«

»

Mag 09

L. Elettorale: Rispetto posizione di Cicchitto

All’interno del Popolo della Libertà esistono sensibilità diverse sul tema della riforma della legge elettorale. E ognuno ha il diritto di esprimere la propria idea, a maggior ragione il capogruppo del Pdl alla Camera, l’on. Fabrizio Cicchitto, che con equilibrio e sobrietà ha detto la sua sull’introduzione del voto di preferenza. Nessuno, dunque, può permettersi di demonizzarlo o addirittura chierede la sua “rottamazione” per questo. Non condivido la sua posizione ma la rispetto. Come ho già avuto modo di affermare in occasione della presentazione alla Camera la nostra è un’ipotesi di modifica dell’attuale sistema, che può essere votata in una settimana. Magari saranno presentate proposte migliori, o forse no, tuttavia sono convinta che sia giusto dare ai cittadini la possibilità di scegliere da chi farsi rappresentare anche in Parlamento, così come accade per le elezioni degli eurodeputati e per gli Enti locali

Condividi

2 comments

  1. Vito Cipolla

    On Meloni ha ragione. Ognuno deve essere libero di esprimere le proprie idee, che possono essere non conformi con le nostre. Non per questo siamo e dobbiamo demonizzare chi non la pensa come noi. Ben detto quindi ognuno può condividere o meno le posizioni degli altri interlocutori. Ma siamo e facciamo parte dello stesso partito, anche se con idee diversificate, tutte degne di rispetto. Quindi è giusto portare rispetto e discutere in maniera civile per trovare degli accordi. Io sono pienamente d’accordo con te Giorgia è giusto che anche per il parlamento ci siano le preferenze. Grazie Buona serata

  2. Antonio Minardi

    On. Meloni, secondo il mio modesto parere è un’errore dare la possibilità ai cittadini di scegliere da chi farsi rappresentare in Parlamento, le motivazioni sono molte, nè cito una a caso, i cittadini oggi sono confusi sull’attuale posizione della politica quindi se si approvasse questa legge comporterebbe molti disagi, le elezioni amministrative che si sono svolte il 6/7 maggio scorso sono un esempio lampante di come i cittadini abbiano perso fiducia nel sistema politico. L’unico modo per risolvere questo dilemma è innanzi tutto recuperare la fiducia perduta iniziando a lavorare su un nuovo programma che assicuri a tutti un lavoro stabile (con la realizzazione di una riforma), meno tasse (con la realizzazione di un programma che preveda la tutela delle famiglie più disagiate), un nuovo sistema sanitario (con la realizzazione di un programma che preveda la tutela per i malati clonici e tutti quelli che sono portatori di handicap), in fine il governo tecnico che attualmente è al comando deve dimettersi perchè non ha risolto il problema definitivamente anzi a introdotto nuove misure che purtroppo stanno creando innumerevoli problemi a tutti.
    P.s.
    On. Meloni Complimenti, grazie a questo blog i cittadini possono esprimere democraticamente il loro pensiero, non lo potevo immaginare meglio.

Rispondi