Feb 17

Fratelli d'Italia presenta il patto per rilanciare l'agricoltura

L’Italia deve tornare a credere nel suo comparto agricolo, fattore incomparabile di sviluppo economico, identità, qualità e sicurezza alimentare. Proponiamo un pacchetto di misure concrete per il rilancio del settore, a partire dall’abolizione dell’IMU sui fabbricati rurali e dalla rimodulazione di quella sui terreni, due orrori voluti dal governo Monti a cui urge porre rimedio. Fratelli d’Italia si impegna a difendere maggiormente gli interessi italiani nel negoziato sulla nuova Pac, a promuovere misure europee per la tutela dei nostri prodotti tipici dall’agropirateria, a sostenere il nostro export agroalimentare attraverso la diplomazia commerciale, a sviluppare ulteriormente etichettatura e tracciabilità per una piena tutela del consumatore, a dire ‘no’ ad accordi di libero scambio con Paesi extra-Ue che non rispettano standard simili ai nostri. Ma vogliamo anche realizzare una vera politica di filiera, rafforzando la capacità delle nostre imprese agricole di stare sul mercato, favorendo fiscalmente la crescita dimensionale e il ricambio generazionale, riequilibrando i rapporti nella filiera tra produttori, trasformatori e distributori. Per fare questo vogliamo creare un Ministero delle Politiche Agroalimentari, riunificando le competenze oggi sparse tra Agricoltura, Sviluppo e altri ministeri.

Scarica qui il Patto per l’Agricoltura.

Condividi

1 comment

    • Stefano Molinario on 18 febbraio 2013 at 21:15
    • Rispondi

    Senza dimenticare la difesa dei prodotti italiani da copie munite di bandiere tricolori all’estero. Con la promozione del nostro vino – anche questo copiato- combattendo la politica commerciale dei gruppi tipo Auchan e Carrefour che etichettano come propri la maggior parte dei prodotti che vendono, togliendo alle ditte STORICAMENTE produttrici un margine di utile ” libero” e ai consumatori un diritto di scelta. La politica agricola dovrà necessariamente avere linee guida dallo stato anzichè frazionarsi in piccoli provvedimenti regionali.

Rispondi