Mag 29

Ue: avere i conti in ordine non basta per uscire da recessione, attendiamo misure per la crescita

L’Italia ha pagato a durissimo prezzo le politiche di austerità e il rispetto dei parametri di indebitamento imposti dall’Europa. E lo ha fatto senza beneficiare di quella elasticità concessa in passato ad altri Stati membri dell’Unione.

La chiusura della procedura per deficit eccessivo è un fatto positivo ma ribadisce quello che Fratelli d’Italia ha sempre sostenuto: avere i conti in ordine non basta per uscire da quella recessione nella quale la nostra Nazione è piombata a causa della disastrosa politica economica del precedente governo. E che oggi viene confermata dalle stime Ocse sulla diminuzione del Pil e sull’aumento del debito pubblico.

Attendiamo ora di conoscere le misure urgenti che l’Ue e l’Esecutivo Letta intendono mettere in campo per rilanciare la crescita economica.

Condividi

Rispondi