«

»

Nov 25

Centrodestra: Coalizione si fa su contenuti, primarie e no a governi di inciucio nostre condizioni


«Spero in un’ampia coalizione di centrodestra, ma il problema sono i contenuti, non sigle, simboli e nomi. Partiti che erano nella coalizione di centrodestra oggi sostengono un governo di sinistra mentre Fratelli d’Italia è l’unico movimento rimasto saldamente a difendere quelle idee. Se gli altri vorranno redimersi, se ricominceranno a occuparsi dei problemi degli italiani e se terranno fede agli impegni presi con gli elettori noi saremmo disponibili a fare una coalizione, sennò vedremo. Certo ci sono anche altre condizioni: la celebrazione delle primarie che per primi abbiamo proposto e di cui oggi parlano anche Alfano e la Lega e il “no” ai  governi di larghe intese, di inciucio con la sinistra. Nuovo centrodestra? Sono molto tardivi. Alfano è stato segretario del Pdl per anni e aveva la possibilità di evitare quanto accaduto. Doveva tenere il punto quando si trattava di difendere il futuro del centrodestra e stabilire che al di là del consenso straordinario di Berlusconi, serviva un partito organizzato. Invece lo ha fatto e ha tirato fuori gli artigli per difendere un governo di centrosinistra e questa scelta sembra essere molto legata al posizionamento personale. Con lealtà ho posto alcune questioni all’interno del Pdl. Poi ho scelto di andarmene. Se mi avessero dato un po’ retta invece di guardarmi dall’alto in basso non ci troveremmo nella condizione in cui ci siamo oggi».

Lo ha detto a “Omnibus” su La7 il presidente dei deputati di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

«Piuttosto che guardare alla Terza Repubblica ho l’impressione che questa seconda Repubblica si stia chiudendo con un ritorno al pentapartito, a una grande riedizione della Balena Bianca e questo potrebbe essere pericoloso. Non sono mai stata di centro ma sono una persona orgogliosamente di destra e credo nel bipolarismo nel senso puro del termine. Sicuramente in Italia questo è stato imperfetto, muscolare, ma la cultura dell’alternanza ci ha rafforzato. Futuro del Pd? L’idea è che la sinistra sia un po’ schiacciata. Ormai all’interno lo scontro è tra democristiani. Renzi e Letta sono due uomini che non vengono dalla storia del partito comunista, quindi dalla sinistra Pd», ha spiegato Giorgia Meloni.

Roma, 25 novembre 2013

Condividi

Rispondi