«

»

Feb 13

Meloni a Il Messaggero: “Messaggio diseducativo che viene dato ai giovani. E' come se la Corte dicesse: certi stupefacenti vanno bene”

Giorgia Meloni

“Non condivido assolutamente queste sentenze della Corte Costituzionale dettate da motivi ideologici invece che di merito”. Giorgia Meloni, fondatrice e capogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia, non apprezza la decisione della Consulta. Da nessun punto di vista, nel merito e nella forma.

La Corte ne fa prima di tutto una questione di forma perché le norme sulla droga erano inserite in un testo sulle Olimpiadi di Torino… “Ma la Corte dimentica che ci sono fior di decreti che mettono insieme questioni molto diverse e sui quali nessuno si sogna di intervenire, come per esempio quello recentissimo sull’Imu e la Banca d’Italia: se erano comprensibili i motivi di urgenza per l’Imu, non si spiega che urgenza ci fosse su Bankitalia, e invece è stato messo tutto insieme. Quando al governo c’era il centrodestra ricordo che certi decreti furono contestati proprio perché non rispettavano il criterio di necessità e urgenza previsto dall’articolo 77 della Costituzione. Invece ora, nonostante i richiami del Presidente della Repubblica a mantenere l’uniformità della materia, questo avviene tranquillamente”.

Secondo lei vengono usati due pesi e due misure? “Sì, io devo ancora capire come sia possibile che la Corte Costituzione abbia abolito (dichiarandolo incostituzionale) il prelievo sulle pensioni d’oro, mentre ha considerato accettabile il blocco degli stipendi degli statali. Se non è incomprensibile questo…”.

A parte la forma, però, lei è contraria alla decisione anche nella sostanza? Cioè pensa che si dovesse mantenere la legge Fini-Giovanardi sulla droga? “Io continuo a sostenere il principio che le droghe fanno male, che vanno vietate e che vanno colpiti gli spacciatori. Invece la decisione della Corte Costituzionale raggiunge un obiettivo caro alla sinistra: dire che ci sono delle droghe che non fanno male. Il risultato è che ai giovani non diamo lavoro, ma intanto gli diamo il diritto di farsi le canne”.

Non c’è differenza secondo lei tra droghe diverse? “No. Perché se non è vero che tutti quelli che usano droghe leggere poi arrivano alle droghe pesanti, è sempre vero il contrario: cioè che tutti quelli che usano droghe pesanti hanno cominciato con le droghe leggere”.

Ma non le sembra che si possa fare un paragone con sostanze come il tabacco e l’alcol, che invece sono lecite? “E’ una paragone assurdo perché della droga fa male l’uso, mentre dell’alcol fa male l’abuso”.

Scarica il pdf

Condividi

4 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Vito

    Grande Giorgia. Complimenti per l’intervista. Condivido tutto quello che hai detto. Come al solito, chiara esplicita e decisa. Sei il mio mito. Grazie per tutto quello che fai per noi ogni giorno. Sei davvero l’unica che hai senso civico e ragioni, usando il cervello

  2. Vito

    Grazie per tutto quello che fai. Sei tra pochi che dicono le cose come stanno. Napolitano, si lamentava dei ricorsi alla fiducia del governo di centrodestra, adesso non dice nulla, perché a farli è il suo governo. Una vergogna. Sono sempre sinistri, che fanno interessi propri e delle lobby di potere. Meno male che ci sei tu Bellissima Giorgia. Avanti così senza paura. Noi crediamo in te. Sempre con te al tuo fianco

  3. maurizio

    cara Meloni, non sono uno scienziato ma conosco bene l’argomento,tanto da potermi mettere a confronto con altri studiosi a riguardo e se desidera ne sarei lieto, per spiegarlo meglio a tutte le famiglie in Italia compresi voi politici,in poco più di un’ora vi sintetizzo in parole facili quello che per quanto è complesso l’argomento ci vorrebbero molte ore, vi farò notare quanto si spiega così superficialmente con studi fermi nel tempo chissà da quanto, quindi inutili , obsoleti. Primo, non è vero che dallo spinello si va alle droghe pesanti punto,è vero in alcuni casi ,come è vero che si va dal vino e birra ai superalcolici che sono molto dannosi al sistema di quieto vivere ,cioè benessere e serenità del popolo, il contrario per le droghe leggere, spinelli. il sistema evolutivo non è peggiore, se si ha possibilità di conoscere e scegliere quale via prendere, conoscendo ,prima, la leggera. Comunque le droghe pesanti le prendono anche chi non ha conosciuto le leggere ed è un problema, perchè non sà realmente quanto lo può possedere e quando lo sà è tardi,per lui e tutti quelli che gli sono vicini,dal furto di stereo alla rovina di un impresa con tante famiglie sulle spalle,sappiate che con gli spinelli è al 90% minimo impossibile fare queste azioni, perchè l’hascisc è un sedativo che fa riflettere di più su azioni inconscienti l’opposto della cocaina che rende le porte dei principi meno forti (mancanza di scrupoli)e si tira avanti invece di tornare indietro e riflettere, la maryuana si divide in più tipi di effetto,calmante,non pensante e normale, ma nell’insieme,è un leggero calmante che fa prendere alla leggera le cose , puo dare svogliatezza o il contrario come l’hascish ,questi effetti, sono analoghi a psicofarmaci dal costo esorbitante a carico dello stato/popolo che vanno usati solo su alcuni pazienti,dato il tempo di recupero e smaltimento nel corpo umano e la spesa, una persona leggermente tesa se fuma haschis è meglio di cose chimiche che toccano altro,una leggera depressione si può curare con la maryuana, dato che se la sera si fuma il giorno dopo si può andare a lavorare,l’effetto svanisce dopo alcune ore non mesi o anni come i psicofarmaci,che in più debilitano intorno alla metà le facoltà umane. terzo,oggi ci sono molte droghe,le pasticche hanno superato da un decennio, la sua risposta data dagli scienziati dell’epoca,i giovani passano dalle pasticche alle droghe più pesanti,,,,,,cosa pensano? non fa puzza non ci sentono,mi fa di più per quanto costa meno, trasporto e modo d’uso,ma,,ma,,sono più pericolose e subdole(ce se ne accorge dopo mesi o anni) delle droghe pesanti,ti avviano di più alle droghe pesanti,sono fatte con i stessi materiali o simili,morfina e anfetamina, rispettivamente simili e derivati da,eroina e cocaina, più mondezza per fare la grandezza della pastiglia, nata sicuramente dai psicofarmaci, la pasticca essendo chimica va ai nostri recettori nel cervello,ma dato che l’impulso è più grande spana i recettori, come se a un buco quadrato gli arriva un quadrato più grande ed entra a forza,dopo il quadrato originale non tocca bene i lati del buco,quindi meno pienezza dell’emozione,da quel giorno avrai meno intensità sulle normali emozioni,quindi apatia senso di suicidio o omicidio,vita piatta,senza scrupoli etc etc.,quello che ne consegue riguardo freddezza .in esecuzioni .tratta delle schiave etc etc. I psicofarmaci,hanno uno studio sperimentale di 5 anni ,in confronto a prima che era 10 e prima ancora che era 15 se non sbaglio, dopo di che si sperimentano sull’essere umano, a me sembra che per quanto riguarda il cervello,ancora non del tutto conosciuto,che 5 anni siano pochi,ma l’impero farmaceutico ha dettato no,perchè sennò non gli conviene, ora dato,per esempio, che i recettori hanno una forma e noi abbiamo un idea vaga di alcune cose e comportamenti che derivano dall’uso di cose create chimicamente e non naturali, tanto che allo psichiatra gliene propongono nuove per vedere gli effetti ,sempre migliorati o con minor controeffetti,dato che alcuni vanno presi insieme ad altri per i controeffetti di uno dei due (incredibile ma vero) e ognuno ha delle controindicazioni,dato che la sperimentazione sull’essere umano con prodotti che possono dare la morte o cambiargli la vita per sempre se fatta deve essere solo su persone che ne hanno bisogno,veramente, lo psichiatra di suo dice,”a noi lo stato da solo queste armi” allora, cara meloni, lei dopo quello che ho scritto ora che è un terzo di un’adeguata informazione,dato che aschish e maryuana sono legati alla nostra evoluzione e quindi abbiamo i recettori con quella grandezza, ne conviene che per piccole cose è (65%dei problemi psichiatrici) meglio usare sostanze naturali meno dannose? lei di mente e cuore suo dirà, si, ma ,continuo io,in Italia è più difficile per il potere papale che non si adegua a questa verità, in un mondo di paure chi conta teme di dire queste verità e farle capire al Papa,noi non possiamo arrivare a voi immagini al Papa, voi dovreste. scusate la mia ortografia, nel mio piccolo dico questo, se volete dopo avermi ascoltato completamente ,posso ridirlo in televisione, prendendomi io, l’onere ,perchè chi ha titolo o potere, teme di perderlo. lei può essere il mezzo apolitico della cosa leggendo questo,lei può farlo dicendo vorrei mettere in luce e definire questo, qui non si tratta di partito,destra o sinistra,qui si tratta dell’educazione che dobbiamo dare per il futuro dell’Italia e del benessere del cittadino. il coffeschop e l’ergastolo per droghe pesanti che rovinano il sistema stato, sono il futuro della civilizzazione come le case per le lucciole per eliminare la tratta delle schiave e tutto quello che ne deriva,compra vendita armi ,droghe creazioni di cosche mafiose, le poltrone dicono a seconda dei momenti dobbiamo prendere più guardie, bhe certo meno sistemi il sistemabile e più ha varianti,quindi più gente introdotta a fare reati ,continuamente sempre più. così,c’è più controllo e più libertà nelle strade e benessere cittadino,un cittadino poi,iper stressato.

  4. Carlo

    Condivido in pieno ciò che Lei afferma sulle droghe “leggere”,io sono un
    insegnante e so a quali pericoli vanno incontro i ragazzi!La stimo molto,anch’io come molti altri le sono al suo fianco.

Rispondi