Mag 28

Ricostruiamo il centrodestra

Le primarie mi appassionano da sempre. Sono lo strumento migliore per rimettere le scelte nelle mani degli italiani, per fare in modo che le leadership non siano imposte dall’alto ma decise dal basso. Eppure è una sfida che in questi anni il centrodestra non ha voluto accettare. Ha rifiutato l’idea che i dirigenti del partito non debbano rispondere soltanto al loro capo ma, prima, ai cittadini.

Io e altri abbiamo posto il tema fin dal 2011 e siamo stati guardati come pazzi. Abbiamo dovuto sopportare anche la farsa delle primarie prima volute e poi cancellate da Berlusconi. Se all’epoca Alfano avesse tenuto il punto, con la stessa forza che ha impiegato per non perdere il posto al governo, se ci avessero dato ascolto, se avessimo organizzato le consultazioni tra la gente, adesso non ci troveremmo di fronte a un centrodestra polverizzato. Propongono le primarie ora, benissimo. Ma quali partiti parteciperebbero? Quelli che governano con la Sinistra o che sostengono la Merkel? Questo è il punto centrale da affrontare prima ancora di discutere di primarie.

In questi anni i sedicenti esponenti di centrodestra hanno approvato provvedimenti che non hanno niente a che spartire con le nostre idee. Hanno votato l’abolizione del reato di clandestinità, la svendita di Bankitalia, lo svuotacarceri. Hanno addirittura bocciato i tagli alle pensioni d’oro che Fratelli d’Italia ha proposto in Parlamento. Ecco, se vogliamo costruire il centrodestra vanno sciolti questi nodi: lasciare il governo di centrosinistra, smettere di fare finte riforme con Renzi e contro gli italiani e rivedere il posizionamento in Europa. Soltanto in questo modo possiamo ritrovarci su un terreno comune e immaginare il futuro.

Condividi

4 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Vito on 28 maggio 2014 at 15:02
    • Rispondi

    Grande. Condivisibile tutto vciò che hai detto. Brava. Giunto il momento in cui si faccia chiarezza uan volta per tutte e glialtri esponenti del centro destra decidano da che parte stare, senza fare i ballerrini. Una volta da un aprte un’altra dall’altra. Sei la migliore ed unica. Congratulazioni per i voti che hai ottenuto. Guardare avanti senza Paura. Grazie. il cammino è ancora lungo ma riusciremo a percorrerlo grazie alla tua guida e supporto. Sei fantastica oltre che bella 🙂

      • Fabrizio Tripodi on 28 maggio 2014 at 16:42
      • Rispondi

      Concordo in pieno. E’ ora che i partiti che si definiscono di “Centrodestra” lo dimostrino. Non se ne può più di vedere Forza Italia e NCD in mano alle solite persone, quelle che hanno distrutto i conservatori nel nostro paese e regalato al Partito Democratico la più grande vittoria della sinistra nella storia della Repubblica.
      La prego Onorevole Meloni non si fermi qui. Questa l’abbiamo seguita in un milione: non è bastato? La prossima saremo due.

    • Roberto on 29 maggio 2014 at 19:39
    • Rispondi

    Primarie del CentroDestra? mmh…

    E’ così grave sperare in una rappresentanza di DESTRA capitanata dalla leader migliore che ci potesse capitare dopo la svendita di AN al PDL?

    So che con meno del 4% alle europee può sembrare un tantino utopico, ma ti prego Giorgia, pensaci! 🙂

    • edoardo montrasio on 30 maggio 2014 at 12:18
    • Rispondi

    Fermezza e coerenza sono valori che alla lunga pagano. Forse anche a breve: dipende dall’intelligenza degli interlocutori. Se si trovasse un punto di incontro sulla forma dello Stato, fisco e burocrazia, credo che un accordo con la Lega si possa fare. Le teorie del prof. Borghi potrebbero essere sostenute anche da FdI-An. Basta parlar chiaro.

Rispondi