Ott 21

L’Italia non deve chiedere alla Merkel il permesso per fare le sue riforme

«Se fossi tedesca voterei convintamente per Angela Merkel, sarei la sua prima elettrice, perché ha dimostrato di saper difendere le ragioni del suo popolo. Questo significa che la Merkel fa gli interessi della Germania. E se fa gli interessi della Germania ovviamente non fa quelli dell’Italia. Oggi i tedeschi sono i nostri principali competitori e non si capisce perché l’Italia debba chiedere a loro il permesso di fare le sue riforme».

Lo ha detto il presidente di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, Giorgia Meloni, intervenendo alla presentazione del libro “Il quarto Reich. Come la Germania ha sottomesso l’Europa” scritto da Vittorio Feltri e  Gennaro Sangiuliano.

«Un’Unione europea che fa solo gli interessi di chi la comanda e non è capace di lavorare per la crescita complessiva delle Nazioni che la compongono non ci è di aiuto. Quello che vogliamo è l’Ue della solidarietà ma fin quando vinceranno gli egoismi, come accade oggi, l’Italia dovrebbe provare a difendere il proprio interesse nazionale», ha spiegato Meloni.

Condividi

1 comment

  1. …….e quindi fare come l’Inghilterra con una propria moneta o addirittura come la svizzera diventando extracomunitaria.ma noi popolo italiano continueremo a lamentarci senza mai reagire rimanendo sotto l’egemonia cattocomunista che continuerà vesseggiarci.tanto sanno benissimo che sotto elezioni basta qualche falsa promessa per essere rieletti.

Rispondi