Feb 03

Da Mattarella un discorso impeccabile. Da perfetto democristiano

Dal nuovo Presidente della Repubblica un discorso talmente rassicurante da essere preoccupante. Nell’ineccepibile discorso alla Nazione di Sergio Mattarella, abbiamo assistito ad una notevole prova di arte oratoria come si addice ad un politico navigato della vecchia scuola democristiana. Come un buon padre di famiglia, è stata riservata una buona parola e una carezza per tutti.

Alcune di queste ci hanno fatto particolarmente piacere, come quelle rivolte a Falcone e Borsellino, alla nostra comunità nazionale e ai marò. Ma è proprio questo tono sobrio e consolante che ci fa guardare con preoccupazione a quella che sarà l’azione del settennato presidenziale. Perché in questo discorso mono-tono non è stato posto l’accento sulle reali sfide che ha di fronte l’Italia, lasciando presupporre la volontà di mantenere l’attuale status quo.

Innanzi tutto il neo Presidente descrive la drammatica crisi economica che stiamo vivendo come se si trattasse di una catastrofe naturale indipendente dall’agire umano e non come la logica conseguenza delle fallimentari politiche economiche e monetarie dell’Europa e degli ultimi tre governi che le hanno avallate ed eseguite. Non è vero, come afferma Mattarella, che nella nuova Europa l’Italia ha trovato l’affermazione della sua sovranità e un approdo sicuro. È esattamente il contrario: la sfida dell’Italia per i prossimi anni deve essere quella di riaffermare la propria sovranità e difendere la propria indipendenza dall’ingerenza delle cancellerie europee e delle lobby finanziarie che governano la Ue. Così come sembra una lettura quanto meno generosa affermare che, nel corso del semestre italiano di Presidenza dell’Unione Europea, il Governo abbia perseguito una strategia di crescita, se si considera che tutti gli osservatori nazionali e internazionali hanno sostenuto l’opposto.

In secondo luogo sorprende che un ex giudice della Consulta che ha dichiarato incostituzionale l’ultima legge elettorale, e in particolare l’elezione dei parlamentari con le liste bloccate e il premio di maggioranza con il quale il Pd si è assicurato 140 deputati in più del dovuto, da Presidente della Repubblica non faccia alcun cenno alla questione ma addirittura tessa le lodi della composizione dell’attuale Parlamento.

Dispiace infine che, nell’intero discorso, Mattarella abbia fatto solo un fugace accenno alla famiglia e non abbia speso una delle tante parole a disposizione a sostegno della natalità e dell’infanzia, che è la principale emergenza della nostra comunità nazionale.

I tatticismi, la prudenza e i compromessi della Prima Repubblica ci hanno consegnato una Nazione in ginocchio e hanno negato il diritto al futuro delle giovani generazioni. Per questo mi auguro che il nuovo Presidente smentisca l’apparenza che ha dato e si dimostri capace delle scelte decise e coraggiose di cui la Nazione ha disperato bisogno.

Condividi

12 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Vito on 3 febbraio 2015 at 19:58
    • Rispondi

    Complimenti condivido il tuo articolo. Cosa di aspettavi da un ex dc da cui proviene anche Renzi. Sei stata grande. Sempre stupenda la migliore, unica

  1. La situazione italiana è uno stimolo per un eventuale attacco nemico. I nostri governanti sono talmente impegnati a farsi i loro interessi da fregarsene altamente dei veri problemi.

  2. Dai Giorgia continua così

    • Giovanni Piatti on 3 febbraio 2015 at 20:24
    • Rispondi

    carissima sig. meloni lei è una delle poche italiane vere che ho incontrato in tanti anni di appassionato di politica.ho 72 anni ed in casa nostra mio padre ha ricoperto x anni incarichi di servizio alla ns lecco.ben sappiamo della vecchia dc fatta risorgere da quel furbo di matteo renzi.presto sarà peggio di fanfani.in poco spazzerà via le cariatidi del suo partito e farà quel che ha in mente io ho sottolineato subito la delegittimazione di un parlamento da napolitano 2 fino ad oggi…. questo atteggiamento di buonismo scimmiottando fin da subito papa francesco sa di bruciato.con le belle parole,le carezze non vi mangia. il 70% degli italiani non ha fiato..non si identifica più con il palazzo che si spartisce i favori. non verrebbe a lecco?

    • Giovanni Piatti on 3 febbraio 2015 at 20:25
    • Rispondi

    se mi vuol rispondere potremmo approfondire.giovanni

    • Giovanni Piatti on 3 febbraio 2015 at 20:26
    • Rispondi

    la mia email è anche sulla mia pagina facebook

    • nino on 3 febbraio 2015 at 20:59
    • Rispondi

    Ma cìè bisogno di commentare? Ho ascoltato il discorso del presidente,; mi ha addormentato ed impaurito(più precisamente, Angustiato). Tutta roba vecchia , eccetto qualche contentino brevissimo.!!! Sveglia ragazzi , ci hanno messo sotto!!!

    • Giacomo on 3 febbraio 2015 at 21:29
    • Rispondi

    Mattarella ha già giurato sulla Costituzione da Ministro della Repubblica e, nel caso dell’uranio impoverito utilizzato in Kossovo, ha già mentito al Parlamento e agli italiani.

    • Michelangelo on 3 febbraio 2015 at 22:23
    • Rispondi

    Sono d’ accordo con lei su tutto.
    Io vengo dalla scuola di: “Giorgio Almirante”, sono stato un sostenitore
    di: “Fini”… Ritengo che si debba cambiare strada.
    L’ elezione di “Mattarella”, porta l’ Italia verso uno scenario di stallo
    permanente.
    All’ interno del “Partito Democratico” con l’ elezione del loro Presidente,
    vi e’ un ricompattamento tra vecchi e nuovi, questo significa una sola cosa,
    non verranno fatti gli interessi del 90% della popolazione Italiana.
    Il movimento ” 5 Stelle “, ha ampiamente dimostrato di non essere capace
    di fare politica costruttiva.
    Lei con Salvini siete rimasti l’ ultimo baluardo, che puo’ ribaltare la situazione attuale.
    Le faccio i miei migliori auguri, espressi di vero cuore.

    Michelangelo Piraino

  3. NESSUNA ORGANIZZAZIONE: MAFIOSA, MASSONICA: O, DI SATANISTI: POTREBBE ESSERE GENERATA, O POTREBBE CONTiNUARE A SUSSISTERE: SE, NON AVESSE AL SUO INTERNO: ED AL SUO ESTERNO: UN SUO RIGIDO: CODICE, DI COMPORTAMENTO MORALE … QUELLI SONO TUTTI UOMINI D’ONORE: CHE, HANNO FATTO UN GIURAMENTO CON LA MORTE! ] se, ISIS ha detto, che: il Giordano Muath al Kaseasbeh, e: il Giapponese Goto: erano vivi? poi, loro erano vivi: veramente! [ ma, circa, lo scambio immediato: UNIUS REI: ha detto: “SI”, e i satanisti USA 322 hanno detto: “no!” … E NESSUNO, NEANCHE UN COGLIONE: SI METTEREBBE A FARE LO STUPIDO CON GENTE DISPERATA, COME L’ISIS SHARIAH …
    Abd Allāh II ibn al-Husayn di Giordania: la tua corona sulla testa di un cane? AVREBBE LO STESSO SIGNIFICATO! … DIMETTITI E LASCIA IL TUO POSTO AD UN ALTRO: “TU NON HAI LE PALLE!” [ Isis, pilota bruciato come vittime bombe, Giordania, è stato ucciso un mese fa. 03 febbraio 2015, Dapprima bruciato vivo in una gabbia, poi sepolto da un bulldozer sotto le macerie. Queste le immagini della morte del pilota giordano nel video dell’Isis, che poco prima, nello stesso filmato, aveva mostrato i corpi carbonizzati di vittime di bombardamenti aerei della Coalizione. La Giordania ha fatto sapere che il pilota sarebbe stato ucciso il 3 gennaio, da qui il rifiuto dell’Isis di fornire la prova che fosse vivo.
    Donato Chiore · Top Commentator · Maturità classica
    Ma la Giordania che fa, aspetta che prima li ammazzino e poi rinnova offerte di scambio? E’ ovvio che se avesse accettato lo scambio alla frontiera turca, avrebbe rilasciata la terrorista solo vedendo vivi i due prigionieri e così poteva concludersi lo scambio. Se non avesse visto i prigionieri, non se ne sarebbe fatto nulla…

    • Maurizio Floris on 4 febbraio 2015 at 01:20
    • Rispondi

    Un articolo che si commenta da solo,degno di un democristiano che ha bocciato i referendum contro la legge Fornero.Ma non popolo chi siamo? Renzi da chi è stato eletto? Sappiamo che il presidente è l’uomo ombra di Bersani,che il topolino Amato è uscito fuori dalla tana perchè non c’è più un gatto in giro.Parole,parole,parole…uffa sti sinistri che palle.Ma i fatti? Tempo che passa,fabbriche che chiudono,giovani a piedi,anziani ancora al lavoro e che potrebbero cedere loro il posto,ma la Germania è ancora li’ sembrano i primi decenni del secolo scorso,zio Adolfo che spadroneggiava dappertutto ed ora sua nipote Angela detta le sue direttive su tutti noi.La storia non è servita a nessuno.Grazie Giorgia che con Matteo state svegliando le Ns.coscienze

  4. Condivido il pensiero della Presidentessa Giorgia Meloni circa il discorso del Presidente della Repubblica Giorgio Mattarella!!

Rispondi