Apr 13

FdI presenterà un’interrogazione al ministro Alfano sullo stupro in via della Pineta Sacchetti. Lo Stato risarcisca le vittime

«Negare che quello della sicurezza non è un problema per i romani sarebbe folle. Purtroppo le questioni che trattiamo oggi le conosciamo da moltissimo tempo. Sul tema del Parco del Pineto Fratelli d’Italia presente in questo Municipio ha più volte portato avanti delle iniziative per accendere i riflettori sul degrado del territorio e anche sull’area che comprende il parcheggio dove lo stupro è avvenuto. Constatiamo che c’è quella che io definirei un’incuria generale da parte delle Istituzioni romane, che si somma tragicamente a una gestione incapace e surreale da parte del governo nazionale».

Lo ha detto il presidente di Fratelli d’Italia e candidato sindaco di Roma, Giorgia Meloni, che nel pomeriggio si è recata presso il Comando dei Carabinieri di Roma Trionfale e nel parcheggio dove è stata violentata una giovane donna il 30 marzo scorso.

La Meloni ha poi aggiunto: «Quando a commettere un reato è un immigrato irregolare come nel caso di questo nigeriano, o è qualcuno che doveva stare in galera ma è uscito prima grazie ai provvedimenti di clemenza o ai decreti “svuota carceri”, lo Stato si deve considerare mandante di quel reato. E proprio per questa ragione Fratelli d’Italia ha presentato una proposta di legge affinché sia lo Stato a risarcire le vittime di reati commessi da gente che non avrebbe dovuto trovarsi sul territorio italiano, o che non si sarebbe dovuto trovare in libertà in quel momento».

Pineto«Grazie all’Arma dei Carabinieri – ha concluso il presidente di FdI –  e al loro impegno costante oggi un delinquente, immigrato irregolare, è stato assicurato alla giustizia. Aveva già tentato di abusare di una bambina di 7 anni a pochi chilometri da Roma e ha potuto colpire di nuovo appena rimesso in libertà. Quest’essere, che ho difficoltà a definire uomo, semplicemente non doveva essere in Italia. Ora una ragazza vive un dramma e a lei va il mio primo pensiero. Quante altre violenze serviranno a convincere la politica a difendere il proprio popolo?».

Condividi

Rispondi