Giu 17

Renzi si ricordi che è pagato per fare interessi Italia, non dei burocrati Ue

tornelliPer Matteo Renzi le sanzioni Ue contro la Russia sono una “questione riduttiva” e infatti vota in sede europea per il loro rinnovo. Evidentemente per il nostro premier è “riduttivo” umiliare le nostre imprese, far perdere alla nostra economia miliardi di euro, mettere in ginocchio l’Italia e fare di tutto per allontanare la Russia dall’Europa in periodo di guerra al terrorismo internazionale. Renzi si ricordi che non è pagato dagli italiani per fare gli interessi dei burocrati di Bruxelles ma per fare un altro lavoro: difendere con fermezza gli interessi della Nazione.

Condividi

2 comments

    • Maurizio on 17 giugno 2016 at 22:02
    • Rispondi

    Ben detto

    • Pino on 13 marzo 2018 at 02:58
    • Rispondi

    Mi puzza molto forse Renzi e’ stato pagato da altri per affossare l’Italia.

Rispondi