fbpx

Ago 26

Le parole del sindaco di Amatrice

slidegioVoglio condividere con voi le bellissime parole del sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi: «Il nostro cuore è spezzato, pensiamo a tutti quelli che qui hanno investito, con passione, sia politica che economica, e poi in dieci secondi hanno visto svanire tutto. Ma nessuna notte è tanto lunga da poter impedire al sole di risorgere. Per questo lo dico a voce alta, risorgeremo. Sono un uomo di montagna, non permetterò che su di noi si spengano i riflettori»

Condividi

2 comments

    • Massimo on 29 agosto 2016 at 12:48
    • Rispondi

    Buongiorno Onorevole Giorgia Meloni, mi permetto come suo sostenitore, aldilà delle tendenze politiche, un’idea molto valida nata dalla mente di un giovane che si chiama Cess Leon,, che ha lanciato su facebook un modulo abitativo molto ingegnoso e anc futurista, però fattibile per le persone terremotate che stanno vivendo questa straziante tragedia del terremoto dove hanno perso in primo luogo i loro congiunti e i loro beni materiali, e stanno vivendo nelle tendopoli, se Lei crede potrà visualizzare il video in facebook e potrebbe proporlo in sede ministeriale,lo. troverà di sicuro anche nel mio sito Massimo Zeller.
    Carissimi saluti e grazie a discrezione per lasua attenzione..

    • salaris costantino on 29 agosto 2016 at 13:40
    • Rispondi

    sicuramente condivido le parole del Sindaco Pirozzi, dopo molti anni di amministrazione nei comuni montani e nel territorio della provincia di torino con fratelli d’italia an, so cosa vuol dire costruire per la propria polazione quel tessuto politico ed economico e veder svanire tutto in pochi istanti, come l’alluvione del 2000 in cui abbiamo visto sparire i sacrifici della gente e contare le vittime per quel sistema idrogeologico fatto di parole e dimenticato appena il fatto non fa più notizia. Con i militanti ci stiamo adoperando tramite le istituzioni per mettere in primo piano la sicurezza degli Italiani nei nostri territori, ma sempre con un occhi puntato a tutte quelle situazioni che toccano in modo violento i nostri fratelli, abbiamo già inviato generi alimentari per i canili delle zone teremotate tramite la nostra associazione AMPAV, e ci stiamo adoperando per costituire i gazzebo nei 123 comuni che coordino per fratelli d’italia an per cuperare oltre a generi alimentari anche altri generi del tipo pompe di calore e generatori eletrici perche pensiamo che nell’immediatezza serve sia il cibo che le coperte, ma nell’esperienza del passato bisogna pensare anche ai prossimi mesi in cui arriverà l’inverno. una domanda nei gazzebo vorremo organizzare anche dove la popolazione senta di farlo il recupero di somme di denaro per poi inviarle alla sede centrale di FDI an per la distribuzione nei luoi più bisognosi o per dare un sostegno alla costruzione di opere necessarie. Cara Giorgia mi fai sapere se quest’ultima parte è possibile farla oppure abbiamo un conto dove inviare quanto recuperato.
    Salaris Costantino Coordinatore area Canavese Componente coordinamento provinciale Torino Consigliere Comunale e capogruppo Comune di Settimo Vittone (TO)

Rispondi