Gen 04

Il blocco navale per fermare i barconi si può fare: la mia risposta al fact checking di “Pagella politica”

Leggo dall’Agenzia AGI un “fact checking” realizzato da “Pagella politica” secondo il quale non sarebbe possibile effettuare un blocco navale al largo delle coste libiche. Non sono d’accordo: ribadisco che il blocco navale si può fare e che è l’unica strada percorribile per fermare l’esodo biblico che sta investendo l’Italia. “Pagella politica” ripete quanto già sentito da anni, ovvero che il blocco navale non si può fare perché “sarebbe un atto di guerra”.

È poco più che una scusa, per diversi motivi: 1. Anche inviare barconi con centinai di migliaia di uomini adulti in età da lavoro da uno Stato a un altro può essere considerato un atto di guerra e infatti nessuna Nazione del mondo lo tollererebbe, tranne l’Italia a guida PD. A fronte di una invasione pianificata, il blocco navale rientra come atto di legittima difesa e quindi consentito anche dal diritto internazionale; 2. Si ripete che non è possibile attuare un blocco in accordo con i governi libici perché in Libia regna il caos e non c’è un interlocutore. Anche questa è una scusa che non regge. La soluzione è molto semplice: proprio perché la Libia è suddivisa in tre governi e in una moltitudine di fazioni è sufficiente che l’Unione Europea e la NATO dichiarino che sosteranno militarmente e politicamente chi accetterà l’accordo del blocco navale e si schiererà contro chi lo rifiuta. Non ci vuole uno stratega per capire che nessuna delle fazioni vorrà ritrovarsi contro la comunità internazionale e quindi accetterà un blocco navale fatto di comune accordo; 3. Se poi il Governo di Tobruk, o il Governo Serraj, o il Governo islamista di Tripoli, o i tuareg del Fezzan, o qualche altra tribù libica, vorranno dichiarare guerra all’Italia, all’Unione Europea e alla NATO perché vogliamo fermare l’invasione dei barconi, beh ce ne faremo una ragione.

Condividi

3 comments

  1. Se non fermiamo a forza questo esodo di africani, ci troveremo fra pochi anni ad esser goivernati dagli islamici , come da profezie.

    Svegliatevi Italiani!
    Vorrete esser schiacciati da una religione che vieta ogni libertà?

    E se non lo sapete secondo i clcoli astrologici la dominazione islamica durerebbe 30 anni! Tutta una generazione.
    Saremo liberatoi dopo da un non ben definito Princioe del Nord Europa che radunerà quel che rimane degli eserciti europei e li scaccerà nelle loro Terre selvagge!

    Fatelo per i vostri figli ancora bambini e per la generazione futura!

    Soltanto un Governo rettoi dalla Meloni o dai Fratelli d’Italia potrà annullare quella profezia.

    VOTATE TUTTI FRATELLI d’ITALIA!

    • Franco Cordiale on 6 gennaio 2017 at 00:38
    • Rispondi

    Semplicemente: gli altri paesi europei si comportano da stati sovrani e fanno i loro interessi: Francia, Germania, Gran Bretagna (Brexit). Noi NO; a noi viene impedito da un asse politico – religioso che lega la finanza UE alla cricca del PD e si collega al Vaticano, specie da quando Bergoglio siede sul soglio di Pietro. Le nostre navi devono spingersi a mezzo miglio dalla costa libica, attese prontamente dai rottami galleggianti che la MAFIA scafista allestisce per i suoi traffici di schiavi. Dobbiamo piegare la schiena ad un progetto di sfruttamento, invasione, immigrazione da sostituzione. Altrimenti ci fanno sentire in colpa e ci chiamano “RAZZISTI”. Il trucco però é risaputo. Anche uno scemo lo capirebbe !

  2. L’idea del blocco navale era venuta anche a me già diverso tempo fa. Non sarebbe un atto di guerra come qualcuno dice per opporsi, sarebbe un atto di dissuasione.

Rispondi