«

»

Apr 20

Parigi: un altro attentato nel cuore d’Europa, è ora di reagire

Un altro attentato a Parigi, nel cuore d’Europa, in un luogo simbolo come gli Champs Elysees.

Cordoglio al popolo francese. È ora di reagire.

Condividi

5 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Corrado Pasetti

    Siamo tutti d’accordo che bisogna reagire con tutti i mezzi disponibili, ma dobbiamo reagire anche sul fronte interno quando abbiamo dei connazionali come tale Simona Patrizia Bonsi che pubblicano sui social :
    Cito :
    Volevo dare un consiglio ai carabinieri , in estate quando fa caldo fate i posti di blocco sotto i ponti , si sa mai che arriva ………….gioia ACAB
    e pubblica la foto del viadotto caduto sopra macchina dell’Arma.
    Fine citazione
    Questa non è libertà di stampa o di pensiero é una bestemmia è un desiderio che dei membri delle Forze dell’Ordine muoiano ,
    Gli estremisti, i terroristi quando vedono cose simili ridono soddisfatti di tanta imbecillità e vigliaccheria pertanto finché ci saranno di tale persone in giro i terroristi vinceranno.
    E i politici che fanno in questi casi nulla , lasciano dire e fare come lasciarono dei vigliacchi gridare nelle piazze 10/1000 Nassirya , bene se lasciamo fare come potremo ancora guardare in faccia i figli, le mogli, i genitori di tutti coloro che sono caduti in Italia e all’estero per difendere e dare sicurezza ai cittadini.
    Noi usiamo parole come onore, codici, fedeltà usiamo queste parole come spina dorsale di una vita spesa per difendere qualcosa , per questa gente non sono altro che una barzelletta io non ho ne il tempo ne la voglia di spiegare a questa gente tutto quello che fanno le forze dell’ordine ,gente che passa il tempo a dormire sotto la coperta di quella libertà che le forze dell’ordine gli forniscono , e poi contestano il modo con la quale gliela forniscono preferirei che dicessero vi ringraziamo e se andassero per la loro strada , altrimenti gli suggerisco di prendere un fucile e mettersi loro di sentinella.

  2. Franco Cordiale

    MI scusi. Ma tale Simona Patrizia Bonsi, oltre che semplicemente SCIMUNITA (non é offesa, ma pura constatazione del suo livello psichico) nel suo ignobile commento, si può permettere di augurare la morte ai Carabinieri senza conseguenze giudiziarie ? Certe scempiaggini le gridavano i suoi maggiori nei cortei degli anni settanta, ma quando poi i Carabinieri e gli agenti di Polizia reagivano (fino a Genova hanno potuto farlo e personalmente non mi é mai dispiaciuto), gli “eroi” dell’insulto e della spranga (venti contro uno, Ramelli insegna), se la davano “coraggiosamente” a gambe. La suddetta “signorina” é loro degna figlia…immagino imprevista ed illegittima.

    1. Corrado Pasetti

      In uno stato che si rispetti gli auguri di morte a chiunque dovrebbero essere perseguiti dal codice penale ma in Italia certi comportamenti sono esclusivamente condannati e faccio un esempio : Se scrivo a dico a qualcuno Frocio al posto di omosessuale mi becco condanna per omofobia stessa cosa se chiamo i Rom Zingari accusa di razzismo e cosi via in nome del politicamente corretto , se poi qualche escremento augura a membri delle forze dell’ordine di morire nessuno dice niente e passa cosi. Inoltre credo che i politici dovrebbero intervenire in questi casi anche per dimostrare alle forze dell’ordine che ci sono, ma è più producente andare in TV a difendere i diritti dei transgender , dei drogati , delle adozioni fra omosessuali che piuttosto andare a difendere e far rispettare le Forze dell’Ordine e Armate.
      Spero che scrivendo a Giorgia Meloni intervenga se cosi non fosse il mio voto e di tanti miei simili non l’avrà più.

  3. Nicolo Vergata

    Cosa aspetta l’imbelle Europa ? Che diventi come l’Iraq ?!
    Che l’Italia non sia stata ancora toccata (tranne l’attentato sventato a Firenze) è un significativo avallo del fatto che il nostro Paese, a causa della sua accoglienza indiscriminata voluta per arricchire Coop bianche e rosse, è strumentale all’Isis come base per destabilizzare l’Europa e agevolare l’invasione politica e demografica.
    Pecunia non olet: cosa non farebbero Pd e Vaticano !
    Stiamo assistendo al suicidio dell’Italia e degli italiani. In altri tempi ci sarebbe stata la rivoluzione.

  4. maria cadel

    Troppo pavidi e senza spina dorsale la massa dei giovani tesi a spinelli, divertimenti e nel dolce far niente!
    Quale rivoluzione? Troppa fatica e lasciar fare alla politica che è collusa con le grandi elite!
    Povera Italia destinata ad esser governata dagli stranieri !
    Per fortuna l’epoca avrà una fine secondo l’Era dell’Acquario che verrà fra pochi anni e scompiglierà il disordine e lo strozzinaggio delle grandi famiglie che spariranno.
    E caduto il Grande Impero Romano! Cadrà anche questo sistema feudale sull’Europa certamente…!

Rispondi