Mag 19

Amministrative 2017, FdI chiede ai suoi candidati di sottoscrivere il “Patto per le Città”

Ecpatto cittàco il “Patto per le Città” che Fratelli d’Italia ha chiesto di sottoscrivere a tutti i suoi candidati alle amministrative 2017.

Un programma in nove punti che i candidati di FdI si impegnano a firmare per garantire sicurezza, servizi e qualità della vita.

GARANTIREMO CITTÀ SICURE Estensione al nostro comune dell’operazione “Strade sicure” (pattugliamenti congiunti militari-forze dell’ordine) per garantire maggiore presidio dei quartieri a rischio. La Polizia Locale verrà dedicata maggiormente alla sicurezza (in strada e sui mezzi pubblici) e verranno emanate ordinanze del Sindaco per il contrasto a qualsiasi forma di degrado. Potenziamento del sistema di videosorveglianza con l’installazione di telecamere intelligenti collegate con le centrali operative delle Forze dell’Ordine. Rafforzamento dei vigili di quartiere e sostegno ai progetti di “controllo del vicinato” con le associazioni di cittadini. Per noi “la difesa è sempre legittima”. Per questo introdurremo un fondo comunale per l’assistenza legale ai cittadini costretti a difendersi da aggressioni violente in casa o sul luogo di lavoro e contributi per i condomini che si dotano di telecamere per la sicurezza dei cittadini.

CONTRASTEREMO OGNI FORMA DI ABUSIVISMO Perseguiremo il ripristino della legalità contro tutte le pratiche illecite. Dall’abusivismo commerciale che danneggia chi fa impresa nelle regole, all’occupazione delle case popolari che viola i diritti di chi ha più bisogno; dall’accattonaggio molesto che rende le città invivibili all’imbrattamento di palazzi e monumenti che deturpa il nostro patrimonio storico; dall’inquinamento ambientale che avvelena terreni e corsi d’acqua alla prostituzione in strada che mina il decoro delle nostre città e alimenta il racket. 

NON PERMETTEREMO ZONE FRANCHE Lotta senza quartiere al radicalismo islamico, chiusura dei luoghi di culto abusivi e divieto di costruzione di nuove moschee in assenza dei necessari requisiti di sicurezza e trasparenza. Misure di politica urbanistica, commerciale e abitativa per contrastare la nascita di quartieri ghetto popolati esclusivamente da immigrati. Controlli stringenti su orari, regolarità fiscale e rispetto delle norme igienico-sanitarie per i “negozi etnici” (macellerie islamiche, centri massaggi, parrucchieri cinesi, phone center e money transfer, ecc.). Integrazione si, ma alle nostre regole. Eliminazione dei campi rom e realizzazione di piazzole di sosta temporanee con obbligo di pagamento delle utenze e permanenza massima di sei mesi, allo scadere dei quali si viene allontanato.  Sgombero dei centri sociali occupati.

DIREMO NO AL BUSINESS DELL’ACCOGLIENZA No alla ricollocazione di clandestini e richiedenti asilo nel nostro comune fino a quando non verrà fermato il flusso in entrata dalla Libia, non verranno attivate concrete politiche di espulsione degli irregolari e non verrà approvata una legge taglia-business che preveda la rendicontazione puntuale di ogni spesa effettuata per gli immigrati. Divieto di utilizzo di condomini in pieno centro abitato e controlli serrati sulle cooperative che, senza l’assenso del Comune, gestiscono l’accoglienza sul territorio. Accoglienza si, ma senza business e soltanto per i veri profughi. 

DAREMO CASA E SERVIZI PRIMA GLI ITALIANI Basta con la discriminazione al contrario! Vogliamo l’introduzione di meccanismi per privilegiare i cittadini italiani e i residenti di lungo periodo (minimo 10 anni) in tutte le graduatorie per l’accesso ai servizi sociali e alle case popolari gestite dal Comune. 

TUTELEREMO LA FAMIGLIA E I BAMBINI Ci impegniamo a introdurre per l’accesso ai servizi sociali e le tariffe a domanda individuale un “fattore famiglia” per consentire una fiscalità di vantaggio alle famiglie con bambini, anziani e disabili a carico. Vogliamo sostenere la natalità con l’introduzione del “voucher bebè” comunale, da spendere in prodotti per l’infanzia, e I’appoggio ai Centri di Aiuto alla Vita. Vogliamo favorire la conciliazione lavoro-famiglia e rafforzare il sistema dei nidi e delle scuole materne comunali e convenzionate, prevedendo incentivi per la realizzazione di asili condominiali. Ci impegniamo a contrastare la diffusione delle teorie del gender nelle scuole gestite dal Comune. I bambini devono essere difesi dall’indottrinamento ideologico. Le famiglie hanno diritto alla libertà di scelta educativa. Ci impegniamo a garantire una soglia massima di alunni stranieri per classe, per evitare rallentamenti nell’apprendimento e favorire una vera integrazione.

DIREMO NO ALLA LUDOPATIA Vogliamo limitare la diffusione del gioco d’azzardo patologico che distrugge famiglie e risparmi, con campagne di prevenzione alla ludopatia dedicate ai giovanissimi e incentivi fiscali per le attività commerciali che rinunciano a installare slot machine. Proporremo un modello di vita sano, fondato sulla pratica sportiva dei bambini attraverso il sostegno allo sport di base e la realizzazione di spazi sportivi aperti e fruibili per tutti.

SOSTERREMO L’IMPRESA E IL LAVORO Ogni insegna che si spegne è un pezzo di città che muore. Per questo ci impegniamo a ridurre imposte e balzelli per le imprese del territorio. Vogliamo azzerare le tasse locali per chi riporta  nel nostro Comune un’azienda delocalizzata e si impegna ad assumere almeno l’80% di manodopera italiana. Allo stesso modo ci impegniamo ad azzerare, per i primi tre anni di vita, il carico fiscale comunale per ogni nuova impresa che nasce. Fondo di garanzia comunale per l’accesso al credito agevolato per PMI, artigiani e commercianti tramite accordi con banche del territorio. Vogliamo tutelare l’identità dei nostri centri storici e le botteghe artigiane dalla diffusione incontrollata di minimarket e negozi etnici. Coinvolgeremo i privati nella rigenerazione degli spazi urbani abbandonati o degradati e delle aree verdi bisognose di manutenzione. 

MANGEREMO ITALIANO L’Europa mette in ginocchio i nostri prodotti, noi invece li sosteniamo! Nelle mense scolastiche del nostro comune verrà data priorità ai prodotti locali, alla qualità e alla tipicità garantita dai nostri agricoltori, pescatori, allevatori e produttori. Introdurremo le DeCo (Denominazione d’origine Comunale) per identificare e promuovere i prodotti tipici del territorio e accorciare la filiera tra produttori e consumatori.

Condividi

Rispondi