Giu 21

M5s tollera centri sociali, da FdI interrogazione a Minniti per sgombero immediato

Ieri sera a Torino gli agenti delle Forze dell’Ordine, impegnati nel controllo del territorio nelle aree più frequentate dalla movida, sono stati picchiati e aggrediti dagli antagonisti dei centri sociali.

Siamo di fronte ai soliti quattro imbecilli figli di papà che giocano a fare la rivoluzione spaccando qualche vetrina e organizzando guerriglie urbane. Ma è ancor più grave che tutto questo accada nell’indifferenza dell’amministrazione M5S e del sindaco Appendino: i grillini si confermano l’altra faccia della sinistra e tollerano che questa gente possa fare quello che vuole. Fratelli d’Italia presenterà un’interrogazione parlamentare urgente al ministro dell’Interno Minniti: i centri sociali occupati di Torino vanno sgomberati immediatamente. Basta con le zone franche e solidarietà agli agenti feriti: noi siamo con loro e con tutti i torinesi perbene che non sopportano più di essere ostaggio di anarchici, antagonisti e cialtroni vari.

Condividi

2 comments

    • Nicolò Vergata on 22 giugno 2017 at 15:50
    • Rispondi

    I grillini sono l’altra faccia della sinistra (ascoltare Di Battista come glissa sugli immigrati…) ed i Centri sociali sono il braccio armato della sinistra, da scatenare in caso di perdita del potere.

    • Franco Cordiale on 23 giugno 2017 at 03:06
    • Rispondi

    Fase uno: i gravi fatti di piazza San Carlo. Fase due: caccia al colpevole; sono i venditori abusivi di birre e alcoolici in bottiglie di vetro. Molti infatti sono stati feriti correndo sui cocci di vetro. Fase tre: interviene la Questura, attuando controlli sul fenomeno. Fase quattro: gli “autonomi” non ci stanno, prendono a pugni una commissaria e a seggiolate i poliziotti intervenuti. Fase cinque: la “sindaca” cinquestelle Chiara Appendino accusa le Forze dell’Ordine, tacciandole di reprimere la libertà dei cittadini! Vicenda emblematica su chi siano i cinque stelle: una congrega di ADOLESCENTI OPPORTUNISTI E VILI. Invocano l’ordine, ma senza dover rinunciare al disordine e allo SCHIFO della movida torinese. Dove c’é gente, lì ci sono voti, no? Fossero pure balordi da strada messisi ad orinare sul muro…

Rispondi