Gen 08

Scuola, su diplomati magistrale grave atteggiamento Governo, FdI difende diritti di chi lavora nella scuola

INSEGNANTI DIPLOMATI AL MAGISTRALE: è gravissimo che il governo non sia intervenuto prima con un decreto e abbia permesso che una sentenza del Consiglio di Stato azzerasse i diritti di migliaia di lavoratori esclusi dalle graduatorie ad esaurimento.

Lavoratrici e lavoratori, scesi oggi in piazza, che rischiano seriamente di perdere il posto di lavoro. Altro che buona scuola. Con FdI al governo saranno difesi i diritti di quanti da anni lavorano nella scuola italiana».

Condividi

1 comment

    • Chiara delli Falconi on 9 gennaio 2018 at 23:21
    • Rispondi

    Carissima Giorgia,
    Ti scrivo perché non ne posso più dei diplomati magistrali tutelati in modo impressionante dai sindacati, dagli avvocati che hanno fatto macelli con ricorsi grotteschi, e pure da alcuni giornalisti (tipo il giornalista Telese che ha fatto dichiarazioni totalmente inesatte) o buona parte dei tg che dicono che verranno licenziati tutti i diplomati magistrali, omettendo, di proposito che se hai il concorso… col cavolo possono licenziarti!!
    Ora non ti ci mettere pure tu!!!!!
    Scusami se ti do del tu….ma abbiamo la stessa formazione ….il Fronte della Gioventù… e ti sentivo più vicina…ma gli ultimi tuoi commenti mi hanno un po’ delusa…
    Volutamente si sta dimenticando che grazie a questi ricorsi selvaggi sono stati inseriti anche supplenti incompetenti, che hanno danneggiato soprattutto i precari storici “a pieno titolo, che nelle gae ci sono per il possesso di un’abilitazione da concorso superato e non per un mero ricorso con diploma e che si sono visti scavalcare da queste… opportuniste(?) Perché così si devono definire le persone che da vent’anni facevano altro: casalinghe, parrucchiere, estetiste: della serie venite… la scuola è un ufficio di collocamento… insegnanti ci si improvvisa!!!!!
    Tutta questa faccenda, questa pubblicità assurda e ingiusta, queste bugie assurde di licenziamento più grande della storia, di bugie nei confronti delle nostre maestre che a dire loro non avevano concorsi(menzogna immane!!!), questo additare chi invece meriterebbe di lavorare al posto di queste….raccomandate( così hanno definito noi vincitrici di concorso)… tutto questo offende chi come noi, ha studiato, ha pagato fior di milioni di lire per prepararsi ai concorsi e ha fatto sacrifici enormi per seguire corsi di specializzazione universitaria… sempre a pagamento… per poter finalmente prendere il tanto agognato e sudato ruolo…
    Ora queste insegnanti ricorsiste forse verranno “licenziate” (ma lo sapevano bene, perché i loro contratti con riserva, contenevano la clausola della rescissione in caso di sentenza Plenaria sfavorevole). Infatti tale sentenza ha stabilito definitivamente che non debbano essere inserite nelle gae, e quindi migliaia di loro verranno appunto licenziate (concetto sbagliato se si considera che i contratti non erano in regola) e vai… scioperi, proteste dei sindacati… articoli faziosi sui giornali…e montagne di bugie che crescono…sono arrivati a convincere insegnanti di ruolo a fare sciopero dicendo che tutte quelle col diploma saranno licenziate….
    Ahimè, queste insegnanti di ruolo non sapevano neanche che le colleghe fossero senza concorsi e si sono lasciate letteralmente abbindolare!!! Vi è una disinformazione pazzesca a riguardo e che queste insegnino ingiustamente al posto delle precarie a pieno titolo sta uscendo fuori solo ora.
    Sono stanca delle menzogne, della politica dei sindacati e della brama di soldi degli avvocati… per non parlare della politica della nuova campagna elettorale, (compreso Salvini che per anni è andato contro le insegnanti meridionali che salivano al Nord, e che ora le difende per accaparrarsi i voti, non ci vuole il mago a capirlo!!) che rincorre le menzogne e chi si sa ben vendere, e sono stanca di vedere servizi giornalistici inesatti e completamente di parte…cosa c’è… hanno figli o parenti che hanno fatto il ricorso, quindi non raccontano le cose con dovuta esattezza perché non conviene??? La verità giornalistica dov’è finita?
    Si parla quasi esclusivamente di questi diplomati, delle loro petizioni, delle loro spalle ben coperte…e le petizioni di chi onestamente è entrata in ruolo o ha visto il ruolo e la supplenza allontanarsi per colpa di buona parte di questi opportunisti?
    Si rassegnassero perché nella pubblica amministrazione (art 97 comma 4 della Costituzione) si entra da decenni per superamento concorso… e questo valeva anche trenta anni fa!!!
    Io… e soprattutto le precarie a pieno titolo, che ingiustamente hanno perso il lavoro, vogliamo venga ripristinato l’ordine secondo la legge e restituito ciò che è stato tolto, (incarichi e punteggi) e vogliamo anche il rispetto per noi docenti di ruolo, quel ruolo avuto non a colpi di ricorsi furbeschi, ma conquistato con grande fatica ed onestà!!
    Superassero i concorsi… se ne sono capaci!!!
    Questo è il paese dei furbi e questa pantomima dei diplomati ne è un ulteriore dimostrazione!
    Io apprezzo molto il tuo essere vera e combattiva…allora combatti per chi quel posto nelle gae se lo è veramente meritato con concorsi e sacrifici, e non con facili scorciatoie! Non lasciarti trascinare dalla massa …e a differenza degli altri informati bene sulla verità!!!!Combatti contro i tuoi alleati, che la nostra storia e i nostri principi non li conoscono e, peggio ancora, capiscono!
    Potevo farmi i fatti miei, tanto sono di ruolo…ma non è nella mia natura…sono cresciuta con l’idea che le idee debbano andare avanti…più delle persone!!!Decisamente una stupida utopista!
    Chiara delli Falconi, insegnante col diploma magistrale (preso il 4/07/1990 il giorno dopo la nefasta semifinale Italia-Argentina) REGOLARMENTE di ruolo tramite concorso (quattro per l’esattezza) e corso biennale universitario di sostegno.

Rispondi