Gen 31

Elezioni, sul 3% tema è come si spendono i soldi in deficit dei nostri figli, noi vogliamo infrastrutture

Sul vincolo del 3% deficit/pil il tema per Fratelli d’Italia non è quanto si debba spendere in deficit ma per fare cosa: posso usare i soldi di mia figlia solamente se costruisco qualcosa che rimanga a mia figlia. I soldi in deficit, dunque, si possono spendere ma per le infrastrutture, per la rete ferroviaria, per aiutare i pendolari.

Condividi

2 comments

    • Franco Cordiale on 1 febbraio 2018 at 10:28
    • Rispondi

    Un capo di famiglia spende i soldi appunto per la sua famiglia, quella presente e quelle future che ne potrebbero nascere. La casta pidiota al contrario spende per “accogliere” chi c’entra poco e niente con l’Italia o magari vi é entrato con l’idea di sabotarla e colonizzarla. Sacrifica e tradisce puntualmente l’INTERESSE NAZIONALE, come quando ha appoggiato le sanzioni di OBAMA contro la Russia, pagate con la chiusura di migliaia di aziende italiane, specie del nord est. Come quando “CINESIZZA” il mercato interno: il settore tessile toscano e veneto se lo ricordano bene! Due anni di sgravi fiscali: poi basta “FALLIRE” e riaprire con altra intestazione! E italiani fessi invece, strozzati dalle TASSE e dai versamenti obbligatori all’ INPS, Queste cose siano rinfacciate alla casta pidiota: RENZI, PRODI (che ha dimezzato con il suo sciagurato cambio il potere di acquisto degli stipendi), MONTI (che ci doveva salvare dal DEBITO PUBBLICO…ma ci é riuscito?), ALFANO, cui venne a lungo affidata la nostra sicurezza (ma gli JHIADISTI sbarcano alla luce del sole) e poi l’insopportabile piagnona BOLDRINI, angustiata dall’incubo “fascista, razzista, xenofobo” che é una vera paranoia ideologica di chi non riesce a vedere i problemi veri ed il malessere REALE che fanno giustamente imbestialire gli italiani.

    • Gianni on 2 febbraio 2018 at 10:55
    • Rispondi

    Dopo l’incidente ferroviario di Trani nel 2016 e dopo la tragedia di adesso sarebbe ora che si puntasse a una seria politica per il trasporto ferroviario locale che è del tutto assente. Pensiamo solo alla Roma Ostia

Rispondi