Feb 18

Fiera che uomini e donne di “diventerà bellissima” di Musumeci siano candidati con Fratelli d’Italia. Insieme ricostruiremo Sicilia e Italia

Per Fratelli d’Italia quello del 4 marzo è un voto importante e in alcuni dei nostri manifesti abbiamo scritto “Qui si fa l’Italia”: o noi adesso difendiamo la nostra sovranità, la nostra libertà, i nostri diritti, i nostri interessi, oppure l’Italia rischia di non rialzarsi più.

Si può fare e si può vincere, come abbiamo dimostrato di saper fare in Sicilia e sono molto fiera che gli uomini e le donne di “Diventerà Bellissima” di Nello Musumeci siano candidati in Fratelli d’Italia. Abbiamo continuato in questo lavoro di collaborazione, insieme stiamo ricostruendo la Sicilia e vogliamo ricostruire anche l’Italia.

Condividi

2 comments

    • Franco Cordiale on 18 febbraio 2018 at 11:23
    • Rispondi

    L’entusiasmo é la forza dei giovani. Dei veri giovani; e sicuramente Giorgia Meloni é tra questi. Ma deve essere affiancato da virtù parallele: sono il REALISMO e la TENACIA. Avendone senz’altro la leader di Fratelli di Italia, saprà bene come e quanto la partita sarà difficile e lunga, assai lunga. In Sicilia, ma anche a Milano ed in ogni luogo d’Italia bisogna ricostruire il senso della LEGGE e dello STATO ed un’idea di moralità privata e pubblica, la quale non é solo denuncia degli errori e delle colpe altrui, bensì sforzo di personale dirittura e rigore, partendo da noi stessi. Purtroppo l'”ITALIA dei DIRITTI” si é risolta nell’ “ITALIA DEI DRITTI” e questo é avvenuto ad ogni livello; in SICILIA, nel MEZZOGIORNO, IN OGNI ALTRO LUOGO. Quando chiedo a Fratelli di Italia di redigere un MANIFESTO sulla SCUOLA ho buoni motivi. La “scuola di massa” degli ultimi decenni si é via via trasformata in un luogo di vera NON EDUCAZIONE dei giovani. Nonostante gli sforzi controcorrente di molti insegnanti, genitori, alunni stessi, ancora fedeli ad un’idea MERITOCRATICA, si é imposta via via una logica subdola, strisciante, perversa… Se qualcuno mi richiama e osa farmi notare che sbaglio, io ho sempre dove appoggiarmi. Che l’importuno “scocciatore” stia attento! E’ in questa logica distorta che crescono le ultime generazioni, dentro un lasciandare arrogante che nessuno osa contraddire, a scanso di rogne: assemblearismi, legalismi faziosi e pretestuosi e IPER-GARANTISMO verso ognuno che sappia mascherarsi da “vittima” quando in realtà sono gli altri a doverlo sopportare e subire.

    • DONATO D'ANGELO on 18 febbraio 2018 at 14:58
    • Rispondi

    GIORGIA MELONI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI LA PRIMA DONNA AL COMANDO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Rispondi