Mar 09

GB, morto Isaiah, Meloni: In Europa si sta affermando eutanasia di Stato

Difendiamo la vita. Eseguita la sentenza dei giudici britannici e della Corte europea dei diritti umani: il piccolo Isaiah Haastrup è morto tra le braccia dei suoi genitori, Lanre e Lakesha, 6 ore dopo l’interruzione della respirazione artificiale che gli consentiva di vivere. Ecco l’eutanasia di Stato che si sta affermando in Europa nel silenzio complice della politica e dei media. Riposa in pace, piccolo Isaia. Anche nel tuo nome continueremo a batterci per difendere la vita, dal concepimento alla morte naturale.

Condividi

7 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Pino on 9 marzo 2018 at 02:18
    • Rispondi

    Comprendo l’idea e i principi “Cattolici” ma come si puo’ reagire difronte alla sofferenza ?

      • emanuel on 9 marzo 2018 at 12:46
      • Rispondi

      si può reagire solo associando la sofferenza presente alla più grande opera redentrice di Cristo sulla Croce, che misticamente non smette di soffrire e offrirsi sulla croce per noi durante la – vera – S.Messa (rito tradizionale antico). leggere e rileggere inoltre come la stessa veniva affrontata dai Santi.

      • Anna on 10 marzo 2018 at 23:04
      • Rispondi

      La vita é preziosa, anche segnata dalla sofferenza e nessuno può togliercela se non il Signore. Soprattutto se si tratta di un bambino e se i genitori non sono d’accordo.

    • Floriano Scattolo on 9 marzo 2018 at 12:03
    • Rispondi

    Solo dei barbari trogloditi assassini possono permettere che si compia una simile nefandezza, se questa è la tanto declamata civiltà britannica non so cosa possa accadere in un prossimo futuro in europa

    • Franco Cordiale on 10 marzo 2018 at 17:58
    • Rispondi

    Scusate, prima di giudicare la sofferenza-limite, bisognerebbe averla provata. A me era personalmente capitato molti anni fa. Garantisco che una tetraparesi con dolori lancinanti e soffocamento (se ti si ferma il diaframma o quasi…non c’é esattamente da ridere!), mi ha insegnato cosa può essere l’inferno. Se non ci fosse stata speranza di guarigione, la mia vita sarebbe stata trasformata in una tortura. SPAVENTOSA. Detto questo, stiamo attenti all’eutanasia di stato come un escamotage per far fuori quanti la società riterrebbe inutili e di peso. Un nuovo “piano T 4” come quello della Germania hitleriana. Questo NON mi sta affatto bene.

    • Sofia on 10 marzo 2018 at 23:06
    • Rispondi

    Ho scritto qualche tempo fa un racconto sull’eutanasia. É un argomento che mi tocca molto, così come l’aborto.

    • Ellasoul on 12 marzo 2018 at 17:41
    • Rispondi

    A molti cristiani sfugge il concetto di anime-vittime e ciò che è scritto nella Bibbia: “Completo nella mia carne quanto manca ai patimenti di Cristo”. A molti cristiani sfugge il concetto di corredenzione!

Rispondi