Mar 25

Giorgia Meloni a «Il Corriere della sera»: «Incarico al centrodestra. Raccoglieremo i voti mancanti uno per uno»

Intervista di Daria Gorodisky

«Sono molto contenta, siamo riusciti a ottenere un doppio risultato insperato fino a venerdì: abbiamo dato agli italiani i presidenti di Camera e Senato in 2 giorni e abbiamo tenuto il centrodestra compatto». E sul secondo punto Giorgia Meloni, leader di Fratelli d‘Italia, è fiduciosa anche per il futuro: «II governo sarà nostro. Troveremo i voti».

Eppure Salvini venerdì ha compiuto uno strappo che ha fatto dichiarare a Berlusconi «la coalizione è rotta». «Quello di Salvini è stato un gesto rischioso, ma era un messaggio a Berlusconi per dirgli siamo d’accordo sulla presidenza di Palazzo Madama a Forza Italia, ma non insistiamo su posizioni incomprensibili».

Molti leggono la vicenda come una vittoria di Salvini sui suoi alleati. «Una vittoria? La seconda carica dello Stato è di Forza Italia, come convenuto tra di noi. In una situazione che sembrava compromessa, con il M5S che cercava di spaccare la nostra coalizione, Berlusconi ha saputo guardare al risultato finale. Si è andati su un terzo nome che ha suggellato, come dicono i napoletani, uno scurdammoce o’passato…».

Il terzo nome: Maria Elisabetta Casellati. È contenta della scelta? In passato è stata criticata per l’assunzione della figlia nello stesso ministero di cui era sottosegretario. «La conosco, mi piace e ha fatto un ottimo discorso di insediamento. Per quanto riguarda il passato, ho letto oggi di quei fatti e non conosco il merito della questione».

La presidenza della Camera è del M5S. «Non era dovuto, avremmo potuto avere anche quella. Invece abbiamo voluto dimostrare responsabilità, serietà e rispetto riconoscendo il 33 per cento di consensi che hanno ottenuto. Abbiamo condotto noi la trattativa. E oggi siamo rafforzati».

In una nota affermate che le intese con il M5S sulle Camere «non sono prodromiche alla formazione del governo». Non teme nuove fughe in avanti di Salvini? «Non mi sembra che abbia la volontà di spaccare. Sarebbe azzardato. E poi, se l’obiettivo fosse stato quello, ci si sarebbe fermati alla rottura di venerdì. Invece la coalizione insiste nel tentativo di formare un governo di centrodestra. Con il presidente della Repubblica continueremo a rivendicare l’incarico per noi, per Salvini».

Ma non ci sono i numeri in Parlamento. «Mancano una cinquantina di voti, una distanza che si può colmare con un appello trasversale ai parlamentari. Se aderiscono a precisi punti di programma, non ha importanza da che partito provengono. A meno che non ci sia un accordo tra Pd e M5S, non ho motivo di dubitare che Mattarella farà fare a noi questa esplorazione».

Condividi

16 comments

Vai al modulo dei commenti

    • MAURO GHERARDI on 25 marzo 2018 at 12:00
    • Rispondi

    ON.LE SALVINI
    MOLTO MOLTO INDICATO PER STOP CLANDESTINI RIMPATRI.

    • Dante di nisio on 25 marzo 2018 at 15:21
    • Rispondi

    Ho votato la tua lista, Onorevole.
    Prima proverei con un programma comune con m5s che riporti eslusivamente provvedimenti condivisibili, e in aggiunta quelli non condivisi però “annacquati”. Con un governo ” misto” con prevalenza coalizione CD.
    Poi proverei con lo stesso programma ma con appoggio esterno di singoli deputati.
    In ogni caso precedenza a provvedimenti che costino poco o niente: legittima difesa, aumento pene e certezza delle pene, diminuzione burocrazia, diminuzione costi della politica e delle Regioni, provincie, comuni, ecc. ecc.

    • RAFFAELLA PUCCINELLI on 25 marzo 2018 at 18:02
    • Rispondi

    sono convinta che il “buon senso” delle donne, salvo le dovute eccezioni, sia molto elevato e sono quindi certa che la signora Giorgia vedrà bene “chi raccoglie”, andando a cercare i voti “uno per uno” ; il rischio che si corre è di trovare persone che “domani” potrebbero creare problemi….

    • cristina beretta on 25 marzo 2018 at 19:53
    • Rispondi

    Complimenti…..Avanti tutta!!…Daje Daje ….Sei una GRANDE!!

    • francesco clausi on 25 marzo 2018 at 21:30
    • Rispondi

    la certezza con cui ti esprimi, è sinonimo di buon augurio ed io semplice uomo del popolo sarei ben felice della vostra avanzata per cominciare ad avviarci verso un mondo migliore ed uscire dalla attuale societàche ritengo sia una societàmalata auguri

    • Antonio on 26 marzo 2018 at 00:17
    • Rispondi

    Secondo me e meglio un accordo serio e diretto con il M5S che andare in cerca di traditori, come se non ce ne fossero stati già abbastanza nel Centro Destra, quelli alla prima occasione se li trovate, alla prima occasione, vanno in soccorso del miglior offerente.

    • Pino on 26 marzo 2018 at 02:43
    • Rispondi

    In un momento cosi’ delicato non si puo’ litigare come bambini, ci vuole ragionamento, comprensione e responsabilita’ davanti agli italiani che hanno dato la loro fiducia.

    • Agostino on 26 marzo 2018 at 05:18
    • Rispondi

    Fino ad ora bene, con il nuovo governo, “Pensioni e Lavoro dip. Della P.A.” : Un tuo immediato intervento sull’età pensionabile, abolendo la legge Fornero e soprattutto favoriendo l’uscita di dipendenti pubblici e privati invalidi almeno al 67% ripristinando la precedente età pensionabile. Naturalmente la scelta dovrebbe essere facoltativa, trovare la possibilità di utilizzare per il tempo mancante al raggiungimento della maturazione della pensione gli esodati (vedi esempio Poste Italiane), i lavoratori licenziati che non riescono a trovare una nuova occupazione e favorire i giovani a stage formativi nella P.A. retribuiti in collaborazione con le Università, ma soprattutto facilitare la mobilità tra Enti dei dipendenti pubblici, ridistribuirli in enti locali, statali e comunque nella P.A. ritederminando gli organici si contiene la spesa pubblica.

    • francesco clausi on 26 marzo 2018 at 07:43
    • Rispondi

    gli italiani hanno domostrato tutta la loro italianeitàandando a votare con una percentuale che non si vedeva da anni. E’ evidente che hanno concesso una fiducia agli eletti che adesso non devono tradirli e non lo faranno sono italiani anche loro in effetti viva un mondo migliore

  1. Fin qui soddisfatta. L’unico capriccioso il Berlusca che non capisce debba farsi da parte. È ora anche per lui.

    • Michele Somma on 26 marzo 2018 at 09:03
    • Rispondi

    Finalmente si antepongono interessi di partito a quelli dei cittadini che vogliono risultati concreti: lavoro , sicurezza, sviluppo

    • francesco clausi on 26 marzo 2018 at 10:05
    • Rispondi

    stiamo assistendo ad una metamorfasi della politica in effetti questo scambio di opinioni con i cittadini da serenità e sicurezza affinchè possiamo effettivamente cominciare a sperarwe in unaitalia migliore e in un mondo migliore buon lavoro

    • adolfo parente on 26 marzo 2018 at 14:01
    • Rispondi

    Gentile Giorgia Meloni, certamente gran merito della non-spaccactura, va a lei alla sua tenacia e, soprattutto alla sua capacità politica. Una capacità offuscata dalla campagna elettorale, dove forse non era proprio a suo agio, quanto invece maggiormente nelle sedi “politiche”. Credo che però questa richiesta di 50 voti extra, possa incombere su una coalizione lacerata, più dentro Forza Italia (causa Brunetta, Romani ed un modo di pensare sbagliato). Occorre lavorare sul territorio e costruire un’idea di destra tra i cittadini, una destra di governo e cittadini, ma coesa anche nel fare opposizione. Proprio così saranno i cittadini a sostenere la maggioranza in maniera diretta ed i rappresentanti politici non potranno quindi sciogliere questo legame. Ma lavori sul territorio e continui nel rinnovamento. In bocca al lupo.

    • Giovanni Allegra on 26 marzo 2018 at 21:52
    • Rispondi

    On,le Meloni,complimenti,come sempre coerente,tutta la coalizione unita,la ragione dei numeri,dovete andare al governo tutti insieme,ma deve convincere il Berlusca a liberarsi dei vecchi derelitti che lo circondano.
    On.le Meloni,con i 5 stelle si può parlare,ed incrociando i programmi,un passetto indietro di qua,uno i là,magari esce fuori qualcosa di buono per gli Italiani.
    Lei alla famiglia,e Crosetto alla difesa per favore.

    • Federico (milano) on 28 marzo 2018 at 10:50
    • Rispondi

    Italia ha bisogno di un cdx forte serio deciso non politically correct, dalla parte della popolazione.
    I temi su cui non si deve transigere sono: Lavoro,povertà della gente,pensioni,immigrazione,sicurezza,famiglia,interessi nazionali.

    Le sx ci hanno messo in ginocchio.Hanno distrutto art 18,volevano azzerare la Costituzione,hanno implementato i piani di Soros e della finanza speculativa sulla pelle degli italiani.
    Sanzioni alla Russia hanno “castrato” il nostro export!!

    In ultimo,mentre l’ Italia “hub” del proselitismo jhiadista,(vedi il “Giornale” di oggi), probabilmente molti “adepti” traghettati dalla Marina,il pericolo per le sx era il “fassismo del 1922″…Incredibile….

    Mai visto dei governi (4x) cosi incapaci,assenti,strafottenti,imbesuiti ideologizzati,imbelli,servili,leccapiedi,lontani dalla popolazione e dalla realtà!

    Abolire il jobs act marchetta delle sx fatta alle multinazionali!

    Hanno avuto quello che si meritavano,la gente li ha cacciati!

    Capire cosa vuole fare M5s sui temi importanti,nella speranza che non siano identici quelli del PD.

    Non si transiga sugli interessi nazionali! Basta essere svenduti a tutti! Prima la nostra amata unica e indivisibile Italia,,il resto se ne può discutere!

    Forza Giorgia (volentieri agli Esteri) e forza Cdx!

    • francesco clausi on 28 marzo 2018 at 21:50
    • Rispondi

    ai temi sui quali bisogna intervenuire come detto da Federico di milano aggiungerei la cultura.

Rispondi