fbpx

Apr 03

Pazienza finita, sgomberare campi nomadi

Sassaiola contro i poliziotti nel campo nomadi di via dei Gordiani a Roma. Inaccettabile: solidarietà di Fratelli d’Italia agli agenti e tolleranza zero contro l’illegalità. La pazienza è finita: i campi nomadi vanno sgomberati e chi viola la legge va sbattuto in galera.

Condividi

7 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Ewa Wojcikowska on 3 aprile 2018 at 16:51
    • Rispondi

    giustissimo

    • francesco clausi on 3 aprile 2018 at 18:08
    • Rispondi

    questa si che èuna situazione che va combattuta e risolta ed anche velocemente tollerare questi campi erroneamente un tempo autorizzati èun grosso errore ed i nomadi se vogliono rimanere a roma devono rispettare le nostre leggi. questa situazione andrebbe risolta senza il codice in mano perchè con quello non si risolverà mai oppure modificate il codice che contiene centinaia di leggi inutili e che una annulla o modifica l’altra

    • Crocetti Riccardo on 3 aprile 2018 at 20:36
    • Rispondi

    L’ipocrisia del “politicamente corretto” ci obbliga a fare finta che un’etnia criminale, quale quella degli Zingari, sia degna di rispetto e di mille attenzioni da parte nostra, cioè da parte dei bianchi.I fatti però dimostrano quotidianamente il contrario.
    Già che ci sono vorrei aggiungere che mi irrita assai che stranieri con la cittadinanza italiana, come il deputato marocchino Chaouki o la palestinese Zula ( o come cavolo si chiama) sfoghino il loro razzismo anti-italiano e anti-occidentale , insultando in diretta funzionari di polizia, obbligandoli a chiedere scusa per aver usato nei confronti degli zingari un aggettivo ritenuto offensivo ( vedi Chaouki,mesi fa in TV) o la stronza palestinese accusare l’Italia di fascismo e razzismo e accusare un conduttore televisivo di “maschilismo”!
    Se i due arabi “italianizzati” ( si fa per dire) non gradiscono l’Italia ,se ne possono anche andare via e tornare a casa loro ( Palestina, Marocco,ecc.).

    • Pino on 4 aprile 2018 at 01:21
    • Rispondi

    Non mi piace la frase ….” sbattuti in galera ” rimpatriati si e’ piu’ corretta. No non rimarranno , non rispetteranno le nostri leggi e allora ?? Per cortesia la via di casa loro e’ la piu’ giusta.

    • Pino on 4 aprile 2018 at 01:27
    • Rispondi

    Un marocchino e una palestinese con cittadinanza italiana, ma chi gliela la data? Siamo alle solite, all’estero italiani che per ragioni di lavoro espatriarono e persero la cittadinanza italiana, ora stanno lottando per riottenerla ma con mille difficolta’ burocratiche tutte italiane e due pidocchiosi la ottengono ed inoltre sputano sul piatto dove mangiano. Questa me la chiamate giustizia o sporche ideologie comuniste partitarie ??

    • Pino on 4 aprile 2018 at 01:32
    • Rispondi

    Tanto per finire…… per cortesia passiamo ai fatti e lasciamo le parole e le sterili polemiche dietro le spalle, costi quel che costi, leggi o non leggi, umanita’ o non umanita’……. ma diamo una ripulita a questo Paese per farlo ritornare tutto italiano.

    • Franco Cordiale on 4 aprile 2018 at 17:04
    • Rispondi

    Ma come fanno all’estero? Queste enclavi di illegalità, quali i campi rom attualmente praticati e “legalizzati”, sono giustificate e consentite ? O bisogna ringraziare il solito mix di BUROCRAZIA INEFFICIENTE e VIGLIACCA e CASTA CATTO-COMUNISTA POLITICAMENTE COMPLICE di tutto quanto si manifesta contro l’Italia e gli italiani ?

Rispondi