Apr 17

E’ #GigginoPomicino, politica “due forni” sembra prima repubblica

Quella della politica dei “due forni” ricorda sinistramente la prima Repubblica. #GigginoPomicino.

Condividi

9 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Giovanni on 17 aprile 2018 at 15:56
    • Rispondi

    Forse il discorsetto oltre che a Giggino Di Maio andrebbe fatto anche a Salvini

    • Federico (milano) on 17 aprile 2018 at 17:26
    • Rispondi

    Ma con quale faccia M5S vuol fare il governo con il PD delle banche e degli scandali annessi,dell’ azzeramento del art 18 statuto a tutela dei lavoratori ,della porkata del jobs act,del tentato cancellamento della Costituzione,della povertà del paese,della invasione voluta, ideologica e di business,ma come si fa a cercare di formare un governo con chi ha impoverito la gente strafottendosene allegramente della popolazione..Ma con quale faccia M5S vuole inciuciarsi col PD battuto alle elezioni e cacciato dagli italiani!

    1. chi dice che IL M5S voglia fare il governo con il PD questa è una chiacchiera Elettorale, MAGARI, significherebbe il proprio Suicidio………

    • Crocetti Riccardo on 17 aprile 2018 at 20:12
    • Rispondi

    Il P.D. è stato battuto sonoramente alle elezioni e non deve assolutamente ritornare al governo, in nessun modo!

    • Ivano Gedda on 17 aprile 2018 at 20:43
    • Rispondi

    I cinque stelle sono canne al vento, sono solo apparentemente un movimento di rottura del quadro politico.

    • antonio velotto on 18 aprile 2018 at 05:42
    • Rispondi

    i poltronissimi! l’Italia va a conoscere il piu’ fondo he esiste.

    • Franco Cordiale on 18 aprile 2018 at 17:36
    • Rispondi

    Chi sono i “cinque stelle” ? Una persona poco fine direbbe che sono un…venticello uscito da Beppe Grillo, una notte in cui era molto carico. Di…passione! Preferisco sostenere che essi siano l’espressione di una confusa e rabbiosa emotività di cui Grillo é interprete perfetto. Sono gli “anti”. I loro nemici sono gli stereotipi: il “Berlusca” tutto soldonazzi e bunga bunga, innanzitutto. Poi ci sono i “corrotti”, altra categoria metafisica: una specie di “spectre” annidata dovunque…Potrebbe esserci dentro anche tua zia…lo sai tu? E le “basi NATO”…E la TAV, sommata alla TAP. Dove sente odore di protesta, il 5 stelle fiuta e corre, come i cani da trifola. Inutile dire che hanno bisogno delle “facce cattive” (o di quelle grasse e pasciute, segno indubbio di crapula) per potersi indignare. Facce da vitalizio, per intenderci. Ovviamente sfugge loro che la scelta politica é invece una SCELTA di CAMPO. Quali sono gli interessi che vuoi servire? La tua NAZIONE o altre antagoniste? I tuoi lavoratori ed industriali, o quelli altrui ? La tua lingua, cultura, tradizione, religione oppure quelle di chi le combatte ? La sovranità monetaria e politica del tuo paese o il disegno di chi vuole eliminare entrambe ? Chi tutela la tua sicurezza o chi se ne strabatte, dato che lor signori hanno le scorte con auto blu o le guardie svizzere? Ponete queste domande al primo cinque stelle di passaggio…E poi aspettate.

  1. cara Giorgia Meloni, tu sei il politico più intelligente della storia della politica, senza dubbio sei una realtà che, non capisco perchè gli altri non lo capiscono,
    tutti credono di essere nel giusto, ma solamente tu, hai parole per il popolo, del quotidiano per i piccoli operai, per la questione spicciola, forse è per questo che ti stimo, ribadisco la mia fedeltà alla tua idea di partito……
    tuo fedele giacomo D’Alessandro…….

  2. mi riferisco al discorso del signor Crocetti Riccardo del 17 Aprile, bravo!!! anche se non sono un buon lettore, il Mov 5 stelle, è nato da una flautolenza (scorreggia) di Beppe Grillo, che poi ha avuto una Relativa (Fortuna)……

Rispondi