Giu 09

Grazie a Viminale e carabinieri, sconcerta che responsabile lvori nell’accoglienza

Ringrazio di cuore l’Arma dei Carabinieri e il Ministero dell’Interno per la velocità con la quale hanno identificato la persona che ieri mi ha rivolto su Facebook delle minacce di morte. Non posso, però, non rimanere colpita dal fatto che questa persona lavori nel sistema dell’accoglienza: se è questo il genere di persone che deve spiegare a chi arriva in Italia come comportarsi abbiamo un problema. Fratelli d’Italia dice: tolleranza zero contro chi istiga odio.

Condividi

9 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Franco Cordiale on 9 giugno 2018 at 10:16
    • Rispondi

    Analfabeta, pieno di odio solo pari alla sua ignoranza e stupidità…Tale mi sembra il ritratto assai probabile di questo soggetto. Peraltro tanto imbecille da non capire che lo avrebbero identificato, così come furono identificati gli autori delle minacce a Mattarella. Dietro di lui la parte guasta dell’immigrazione e chi ci mangia sopra: convinti che gli italiani siano altrettanti Renzi ed altrettante Boldrini, a mezzo tra pavidità, vigliaccheria ed opportunismo. Loro invece, i presunti “veri uomini” dell’islam, ci odiano e disprezzano, pregustando il giorno in cui (beninteso, secondo questa parte malsana) strisceremo ai loro piedi, invocando pietà. Loro sono i veri RAZZISTI: lasciate solo che crescano di numero e neanche tanto !!

  1. Certo, tolleranza zero con chi difende gli accolti irregolari. La persona che lavora nel sistema dell’accoglienza si interessa solo che crescano di numero e con l’aumento del numero degli arrivi potranno far diventare l’Italia un feudo dell’islam.

  2. disgustoso il fatto e disgustoso il finalino…Qualcuno ce l’ ha messo,lì…come risorsa,.quante ne hanno fatte i PDidioti, con maggioranza bulgara, nel periodo dei governi non eletti…e questa fauna in via di estinzione si permette di irridere e pontificare sul nuovo governo

    • Franco on 9 giugno 2018 at 11:48
    • Rispondi

    Condivido Pienamente.. Occorre privare di ogni autorizzazione il soggetto criminale interessato all’accoglienza. Franco

    • Ewa Wojcikowska on 9 giugno 2018 at 11:55
    • Rispondi

    da espulsione , subito. E se è un italiano dovrebbe sprofondare dalla vergogna. Noi vogliamo bene alla SIGNORA GIORGIA

  3. Gentile signora Meloni, a parte il fatto che in un paese civile, queste manifestazioni inqualificabili nin dovrebbero essere permesse, A NESSUNO, umanamente é giusto preoccvuparsi perché, un antico proverbio in lingua napoletana, recita: (tradico in lingua italiana) LA MADRE DEGLI S………..I, è SEMPRE INCINTA!
    In tutto ciò c’e una sola persona che dovrebbe vergognarsi del fatto che accadano simili cose, sappiamo tutti chi E’

    • Crocetti Riccardo on 9 giugno 2018 at 12:34
    • Rispondi

    Condannatelo alla galera, sbattetelo fuori dall’Italia, e obbligatelo a scontare la pena in Nigeria. Migliorate poi la legge sulle espulsioni aggiungendo qualche comma in più. Uno potrebbe essere che chi ha commesso un reato in Italia e/o in Europa non ha diritto a rimettere piede mai più nella nostra terra. Un altro potrebbe essere il seguente: se giungi qui clandestinamente, te ne vai e non avrai mai più il diritto di rimetter piede sul sacro suolo della nostra patria. Bisogna però combattere la religione cretina dei diritti umani , vero e proprio cavallo di troia per l’intero Occidente.

    • Corrado Pasetti on 9 giugno 2018 at 13:04
    • Rispondi

    il problema esiste da molto tempo e non fa altro che amplificarsi, oltre a identificare il soggetto , verificherei chi lo ha assunto e impiegato nei centri di accoglienza., quasi per certo ci sarebbero sorprese.
    D’altronde si sa basta gridare contro Salvini,Meloni , la destra in generale , insultare le forze dell’ordine E IL LAVORO LO SI TROVA ;

    • antonio velotto on 10 giugno 2018 at 09:46
    • Rispondi

    queste sono le saequele volute da renzi e boldrini che vogliono eliminare la razza italica(vedi le parole di bersani)

Rispondi