Giu 21

Conte chieda al consiglio Ue il blocco navale

Se si vuole risolvere il problema dell’immigrazione irregolare in modo duraturo e definitivo c’è una sola soluzione: il presidente Conte vada al Consiglio europeo del prossimo 28 e 29 giugno e chieda una missione europea per ottenere un blocco navale al largo delle coste della Libia. Il tema non è se e quante navi delle Ong o della Marina militare facciamo attraccare in quale porto: Il problema è non far partire quelle barche.

Condividi

4 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Franco Cordiale on 21 giugno 2018 at 13:00
    • Rispondi

    HOT SPOT in Libia, Egitto, Tunisia, Marocco. Non in mano a schiavisti-stupratori-aguzzini, come succede talvolta adesso, ma posti sotto l’egida e il controllo di ONU ed UE. Invece di missioni militari lontane e magari inutili, un vero presidio dell’accoglienza umanitaria, la quale non é “punitiva”, ma SELETTIVA! I rifugiati veri partiranno su aerei o navi verso le aree di destinazione (NON SOLO l’ITALIA). I non rifugiati non partiranno. Cominceranno con il vedersi assegnare un’identità legale da esibire. Faranno domanda per lavorare, là dove si trovano. L’Europa non può e non deve accogliere per forza tutti quelli che arrivano e a qualunque condizione.

    • Crocetti Riccardo on 21 giugno 2018 at 15:40
    • Rispondi

    D’accordo su tutto, ma vorrei fare una proposta : quella di togliere “democraticamente” la scorta a quel cretino di Saviano. E’ possibile?

    • Franco on 21 giugno 2018 at 15:46
    • Rispondi

    Cosa sta aspettando, considerato che è l’unica possibile soluzione………………..

    • Crocetti Riccardo on 21 giugno 2018 at 15:51
    • Rispondi

    Paesi dove possono essere ricollocati i clandestini: Marocco. Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, Sudan, Eritrea, Somalia, Kenya, Tanzania, Mozambico e tutti gli altri stati dell’Africa. Poi : Libano, Giordania, Arabia Saudita , Emirati Arabi Uniti, Qatar, Oman, Iran, Pakistan, Afghanistan, Kazakhstan, Cina, Indonesia.Fuori dell’Europa e dell’Occidente ce ne sono poi ancora tanti altri : che i clandestini vengano ridistribuiti equamente ( e non EQUINAMENTE come ora) fra i 194 Stati del mondo . Altrimenti verrebbe fatta una “RAGGELANTE” o “AGGHIACCIANTE” discriminazione razziale fra l’Europa e gli altri paesi del mondo. Ma insomma , che cosa sono gli altri paesi extracomunitari:spazzatura? No di certo. Perciò, per una questione di uguaglianza e di giustizia, che anche gli altri aprano le loro porte ai “RIFUGIATI COL TELEFONINO FINANZIATI DAI VARI SOROS &C.

Rispondi