Giu 26

Dopo navi Ong anche navi cargo delle multinazionali. Conte chieda blocco navale

 
Non bastavano le navi pirata delle Ong come la Lifeline. Ora a raccogliere gli immigrati ci si mettono anche le navi cargo della multinazionale Maersk: basta! Al Consiglio UE del 28 e 29 giugno Conte chieda il #BloccoNavaleSubito, l’unica soluzione per fermare l’invasione
Condividi

12 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Crocetti Riccardo on 26 giugno 2018 at 07:15
    • Rispondi

    Le O.N.G. & C sono TUTTE organizzazioni criminali.Sono d’accordo con il blocco dei porti in Libia, al più presto!

    • Pino 007 on 26 giugno 2018 at 08:05
    • Rispondi

    Fucilate soro e tutto sara’ risolto.

      • Gioacchino De Leo on 26 giugno 2018 at 11:19
      • Rispondi

      Esatto!!

    • Gioacchino De Leo on 26 giugno 2018 at 08:14
    • Rispondi

    Niente!, nessuno vuole arrendersi e una sfida vera e proprio! contro il nostro Popolo!!, vogliono la guerra, sperano che succedono dei morti per causa blocco in mare per provocare un’intervento internazionale per processare il nostro Governo, dichiarandolo fuori Legge per crimini contro l’umanità, contro le Leggi Internazionali!!, prepariamoci al peggio ma, non dobbiamo mollare!, Dio ci protegga!!

    • Daniele on 26 giugno 2018 at 08:24
    • Rispondi

    Alla fine o con le ONG o con altre navi arrivano sempre in Italia. Siamo stufi, siamo arrabbiati, siamo delusi. Si continua a parlare dell’accordo di Dublino come se la soluzione fosse redistribuire i clandestini fra i vari Stati europei. I potenziali migranti in Africa sono 50 milioni: cosa facciamo, se ne prede 5 milioni ogni Stato? E questa sarebbe la soluzione? Serve bloccare le partenze e l’unico modo è il blocco navale! Gridiamolo forte, tuti gli italiani devono gridarlo! I politici devono sapere che gli italiani non ne possono più e vogliono il blocco navale!

      • emax on 26 giugno 2018 at 09:39
      • Rispondi

      concordo: siamo stufi di gente che bivacca – maleducatamente – a nostre spese per le strade e dorme negli hotel!

  1. Amen , Dio ci protegga!
    Ma non ci dimentichiamo l’antico detto che recita:
    Purtroppo la “pacchia” dei migranti si é trasformata in un’azienda lucrosa ed esentasse! Dice un antico detto in lingua napoletana ; , e, traddotto in lingua italiana suona;:
    In sostanza abbiamo rimesso in piedi la Tratta degli schiavi del “700”, la storia si riprte, Niente di nuovo sotto il sole!
    Si fa per dire, ma, andando avanti così, ne “vedremo delle belle!!!!!!!”

  2. Come al solito al COMMENTO mancano dei periodi, evidentemente, a qualcino non piacciono!

    • emax on 26 giugno 2018 at 09:36
    • Rispondi

    Salvini, ti dai una sveglia o no???

    • Franco Cordiale on 26 giugno 2018 at 09:56
    • Rispondi

    L’arma propagandistica é lo scudo o paravento dato dal termine PROFUGO-RIFUGIATO. Se i soggetti dell’immigrazione in Europa fossero DAVVERO questi, si aprirebbero CANALI UMANITARI e giustamente: per i profughi veri, con la casa distrutta dalle bombe in Siria o in Iraq o in Libia, ad esempio, ringraziando le guerre USA di Obama…per “esportare la democrazia” e i bombardamenti francesi del caro cugino d’oltralpe Sarkosy, degno predecessore dell’attuale Macron, che un giorno ci sorride e l’altro ci insulta. Ringraziando l’espansione selvaggia dell’ISLAM violento ed intollerante, verso cui papa Bergoglio ci invita a “DIALOGARE” ! Ma la sigla “PROFUGHI” é solo un’ARMA DI RICATTO a più mani: i DELINQUENTI che si ingrassano con la TRATTA dei CLANDESTINI…Ma ancor più il piano di INVASIONE MIGRATORIA che ha come scopo la DISTRUZIONE della nazione italiana, ridotta a penisola euro-africana dal piano MONDIALISTA, benedetto da Bergoglio e dai suoi microfoni: i Galantino, I Ravasi, il Delfini neo arcivescovo di Milano con le sue “tavolate” ambigue ad uso PD… Vogliono mettere alle corde il popolo italiano, prendendoci per sfinimento. Chiedo un manifesto di Fratelli di Italia contro questo devastante SISTEMA di MENZOGNE e di RICATTI !

    • Gianni on 26 giugno 2018 at 16:08
    • Rispondi

    http://www.massimofini.it/articoli/per-l-africa-nera-il-problema-siamo-noi vi rimando all’articolo scritto da Massimo Fini in merito alla vicenda dell’Acquarius

    • Franco on 29 giugno 2018 at 23:23
    • Rispondi

    Diciamolo in tutte la lingue……….. e poi non autorizziamo gli sbarchi. Porti aperti solo per chi è regolare e non per i pirati del mare, trafficanti di poveri immigrati. Per questa attività, andrebbero sanzionati e condannati…………….

Rispondi