Ago 16

Penale miliardaria è la vergognosa pacchia delle concessioni autostradali. FdI chiede nomi di chi ha firmato contratto

Ora spunta una penale miliardaria per revocare la concessione di Autostrade anche in caso di “grave colpa”. Il contratto prevede che se Autostrade non fa il suo lavoro, non fa manutenzione, fa crollare i ponti, lo Stato può revocare la concessione ma deve pagargli comunque tutti gli utili previsti fino alla fine della concessione. In sostanza possono far marcire le autostrade e non rischiano nulla, il loro guadagno è garantito comunque. Ecco la vergognosa pacchia delle concessioni autostradali. Fratelli d’Italia pretende di sapere tutti i nomi e i cognomi di chi ha redatto e firmato questo contatto capestro contro il popolo italiano. Andremo in fondo a questo schifo e ci batteremo in ogni sede per impedire la beffa della ‘penale’ da pagare a chi da anni si arricchisce sulla pelle degli italiani.

 

Condividi

10 comments

Vai al modulo dei commenti

    • David on 16 agosto 2018 at 17:31
    • Rispondi

    È ora che si faccia chiarezza su tutti i contratti di concessione non è possibile una situazione del genere .

    • Ewa Wojcikowska on 16 agosto 2018 at 18:06
    • Rispondi

    morti e feriti … e non si vergognano di parlare di penale miliardaria!!! Autostrade costruite con i soldi del POPOLO ITALIANO che ha il diritto di andare fino in fondo a tutta questa storia terribile

    • Alberto Busato on 16 agosto 2018 at 18:49
    • Rispondi

    Guarda, Meloni, che le cose non sono così semplici come le prospetti. Ti faranno vedere delle lenzuola lunghe un chilometro di tutte le manutenzioni che hanno fatto. La strada da seguire è un’altra! Se vuoi scrivimi.

    • Anteo on 16 agosto 2018 at 19:23
    • Rispondi

    Invece di dirlo solo a Giorgia, che forse già la sa, potresti raccontarlo a noi cittadini la strada da seguire. Hai paura che diventi una strada troppo affollata? Io non ci vado perchè sto nelle Marche, ma è utile sapere i nomi di chi ha redatto e firmato il contratto della concessione ad Autostrade.

    • Crocetti Riccardo on 16 agosto 2018 at 20:44
    • Rispondi

    Sono d’accordo con Giorgia Meloni.

    • Franco Cordiale on 17 agosto 2018 at 10:48
    • Rispondi

    La richiesta di Fratelli di Italia é più che doverosa, al punto che la farei sostenere da una RACCOLTA DI FIRME. Infatti non si tratta solo di un episodio gravissimo, causa di lutti e rovine, ma di un MECCANISMO PERVERSO che super-garantisce in questo caso l’ente Autostrade, ma immagino…chissà quante altri! E’ il RICATTO DELLE PENALI: se si interrompe la concessione (a PRESCINDERE dal MOTIVO!) di una gestione di esercizio a un certo ente, allora scatta la MEGA-MULTA o INDENNIZZO che gli andrebbe versato! Come a dire: state zitti o SBORSATE! A casa mia si chiama ricatto: voi cosa dite ?

    • Franco Cordiale on 17 agosto 2018 at 10:55
    • Rispondi

    E aggiungo a quanto scritto una noticina. Ho sentito associare la società autostrade al gruppo BENETTON. Qualcuno mi saprebbe illuminare in merito? Perché i BENETTON sono gli stessi del manifesto a favore dell’immigrazione clandestina, sono gli “umanitari” che tacciano Salvini e il centro destra di “fascismo” e di “razzismo”. Allora: che rapporti ci sono tra BENETTON ed AUTOSTRADE ? Attendo chiarimenti, grazie.

  1. Mi permetto un interrogativo che già so ingenuo”, ECCOLO:
    < DAL MOMENTO CHE SUI GIORNALI SI PUBBLICA DI TUTTO E DI PIU', PERCHE' NON PUBBLICARE(MAGARI A PUNTATE…. E PER INTERO) I CAPITOLATI DEGLI APPALTI DI OPERE PUBBLICHE E, CON FIRME COMPLETE E LEGGIBILI DEI R5ESPONSABILI ?
    ……………..PIO DESIDERIO!

    • Ivan G. on 17 agosto 2018 at 21:25
    • Rispondi

    In merito alla vicenda, vorrei segnalare, per la chiarezza e per la grande e consueta capacità di analisi, l’illuminante articolo di Marcello Veneziani sul Tempo di oggi 17 agosto.

    • Franco Cordiale on 18 agosto 2018 at 09:06
    • Rispondi

    Ho letto l’articolo e lo consiglio. “Toscani, i Benetton e i Maletton”. Non sapevo dello sfruttamento del lavoro minorile in Bangladesh, cui anche questa premiata ditta contribuirebbe, né di quello esercitato su un’area di un milione di ettari in Patagonia. A spese degli “indigeni”, repressi da polizia ed esercito, con spargimento di sangue. Ma come? Quelle coloratissime fotografie di TOSCANI sui migranti in arrivo, così multi-etniche e multi-culturali, dove ci viene subdolamente rinfacciato, a noi italiani, che saremmo una turba di razzisti e di xenofobi ? Immagino che Benetton e il suo fedele Toscani stiano preparando una manifestazione di “cappellini rossi” per le vittime di Genova, così come fanno per le vittime dei naufragi di immigrati clandestini… Forse la campagna partirà da La Repubblica – La Stampa – L’Espresso, che sono sul libro paga del gruppo Benetton, come scrive Veneziani ? Ho qualche dubbio…

Rispondi