Set 03

Blocco navale è soluzione a problema clandestini

Una Nazione è libera di governare i suoi confini e di governare i flussi migratori. Un governo che afferma questo principio non è nemico di qualcuno ma  semplicemente vuole fare rispettare le sue regole.

Secondo me manca una soluzione definitiva che per Fratelli d’Italia è il blocco navale attraverso una missione europea per andare a trattare con i governi libici e impedire ai barconi di partire. Fin quando parleremo delle singole navi, di dove farle attraccare e dove mettere gli immigrati clandestini sarà come svuotare il mare con il cucchiaino. Il problema non è in quale porto queste navi devono arrivare in Europa ma che devono partire. È l’unico modo di risolvere il problema.

Alla sinistra che si sbraccia contro il blocco navale devo ricordare che l’ultimo blocco navale lo ha fatto il governo Prodi nel 1997 con i barconi che partivano dall’Albania. Quando serve una Nazione normale governa i propri confini e non capisco davvero perché il governo non voglia fare una proposta di questo tipo che mi pare più seria che chiedere all’Europa di farsi invadere con gli immigrati clandestini.

Condividi

7 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Spero tantissimo che la Crociata della signora Meloni, vera, novella Giovanna d’Arco abbia il buon fine che meritaOemai é una vera guerra tra Forse del Bene e forze dal male:Povera Italia, stai attraversando unok dei momenti più tragioci e difficili della tua travagliata storia.Dice un antico proverbio mapoletano:
    Purtroppo quella madre,,,,,,,,,,,,,ora, si é dsata molòto da fare…………..!

  2. Come al solito, qualcosa non viene riportato, ci riprovo e,,, …aperiamo bene!
    Il proverbio dice:

  3. erd anche questa volta non é stato rioptato, ci ririprovo e traduco la parola napoletana in italiano:
    Il proverbio; Lamadre degl……imbecilli é sempre in cinta!

  4. Evidentemente al compiuter nin piace la LINGUA NAPOLETANA, maledetto 1860!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Giovanni on 3 settembre 2018 at 11:56
    • Rispondi

    Il problema è che dietro questa invasione si muovono interessi economici legati alle mafie e a gruppi economici e finanziari che dai migranti traggono profitto.

  5. Purtroppo, questa è ‘UN, UN’AMARA E TRISTE REALTA’ PRETTAMENTE , N.OSTRANA!

    • Franco Cordiale on 4 settembre 2018 at 09:43
    • Rispondi

    Non servono complicate analisi. Se l’immigrazione clandestina é TRAFFICO ILLEGALE di PERSONE, quasi sempre a fini speculativi e criminali, consentire ogni volta, da almeno 20 – 25 anni, che il trasbordo si verifichi regolarmente dalla costa libica alle coste italiane, tramite rottami galleggianti (1 fase) e quindi navi ONG o navi della Marina militare italiana, fino al consueto porto (ITALIANO), significa semplicemente esserne COMPLICI. Le “ragioni umanitarie” accampate sistematicamente da ONG, preti, sindaci (come il “masaniello sgarrupato” di Napoli), collaborano con un PIANO CRIMINALE! Dunque: non sono affatto umanitarie, visto che alimentano un MALE, sia per i “migranti”, sia per gli italiani. Sarebbe come autorizzare “per ragioni umanitarie” lo spaccio di droga, la pedofilia ed altre amene attività. Il male si sradica. Che non vuol dire affatto buttare a mare chi arriva, ma fargli finalmente capire che i trafficanti non hanno più gioco ! Altrimenti si andrà avanti…ALL’INFINITO !!!

Rispondi