Set 08

Volontà Austria di concedere il doppio passaporto ai cittadini di lingua tedesca e ladina è atto ostile. Governo deve rispondere con durezza

La volontà dell’Austria di concedere il doppio passaporto ai cittadini di lingua tedesca e ladina dell’Alto Adige è un atto ostile. Il Governo deve rispondere con chiarezza e durezza perché è in gioco la nostra sovranità, l’unità e l’integrità territoriale dello Stato italiano. Per FdI le parole “prima gli italiani” non sono uno slogan elettorale ma hanno un significato chiaro ed è ora che l’Esecutivo passi ai fatti.

Condividi

7 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Al punto cui é arrivata l’Italia, anzi gli italiani, non mi meraviglierei più di tanto, ma, pensanfo ad un decreto di medaglia al vaor militare di un giovane di 18 anni, direi, < Caro zio Antonio, ma chi te lo ha fatto fare?

    • Crocetti Riccardo on 8 settembre 2018 at 09:38
    • Rispondi

    Allora 600000 soldati italiani , cent’anni fa , sono morti per niente?

    • Franco Cordiale on 8 settembre 2018 at 10:44
    • Rispondi

    Evidente provocazione contro la sovranità italiana. Immaginate se la Spagna lo facesse verso la Francia, o la Repubblica Ceca verso la stessa Austria…Ma se certi stati (Austria) se lo possono permettere, significa che il prestigio, anzi la stessa minima dignità degli italiani e dell’Italia sono nella spazzatura. Eppure i diritti della comunità alto-atesina erano stati regolati, con grossi vantaggi per gli alto-atesini, dagli accordi DE GASPERI – GRUBER ! Ma negli anni sessanta la risposta dei gruppi terroristi austrofili fu il TERRORISMO. I vecchi ricorderanno la strage della Malga Sasso (quattro finanzieri assassinati) e la “notte dei fuochi” (100 tralicci ENEL abbattuti col tritolo). Ricordo anche come i vecchi milanesi non amassero granché certi gruppi a nord di Bolzano (Bozen). Mio padre li appellava “crucchi” e molti con lui.

    • antonio velotto on 8 settembre 2018 at 18:38
    • Rispondi

    ci trattano come gli arlecchini

    • Fabio on 8 settembre 2018 at 21:27
    • Rispondi

    Sarebbe bene iniziare a fare così pure noi.Istria Fiume e Dalmazia sono italiane.Io figlio di Mattuglie sono italiano.Croazia e Slovenia o lo capiscono o facciamogli Eli capire .

    • D'Alessandro Giacomo on 9 settembre 2018 at 11:15
    • Rispondi

    si facciamogli Eli capire mandandogli in Ost-reich, un centinaio di zingari dentro un camion cammuffato per trasporto di bare umane da seppellire nei cimiteri Austriaci…..tanto quelli della dogana non capiscono niente………

    • Bruno De Simone on 9 settembre 2018 at 18:51
    • Rispondi

    Qual’è il problema! Avuto il passaporto austriaco, si toglie quello italiano, si tolgono tutte le agevolazioni, troppe, fin qui avute e si regala loro un bel baule. Buon viaggio, in Italia c’è tanta libertà, compresa quella di andare ovunque, non certo qui.

Rispondi