Ott 13

Se Asia Bibi scarcerata, Italia le offra un posto sicuro dove vivere

In Pakistan il partito radicale islamico Tehreek-e-Labbaik è tornato in piazza per chiedere l’impiccagione di Asia Bibi, la donna cristiana condannata a morte per blasfemia, e ha minacciato i giudici della Corte suprema chiamati a decidere sul suo caso: se la donna sarà prosciolta spetterà loro una ‘fine orribile’. Fratelli d’Italia rivolge un appello urgente al Governo: se Asia Bibi sarà scarcerata, la nostra Nazione offra subito la sua disponibilità ad accoglierla in Italia per offrire a lei e alla sua famiglia un posto sicuro dove poter continuare a vivere. L’Italia non può rimanere indifferente.

Condividi

4 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Alberto Busato on 13 ottobre 2018 at 18:43
    • Rispondi

    Bene!

  1. I BIMBI NON SI TOCCANO, LA LEGGE DEL MENGA PUO’ ESISTERE IN PAKISTAN MA NON IN ITALIA

    • massimo Bini on 14 ottobre 2018 at 01:24
    • Rispondi

    questi sono i VERI perseguitati che hanno bisogno di assistenza ed accoglienza….notizie del biancone?

    • Crocetti Riccardo on 14 ottobre 2018 at 09:08
    • Rispondi

    Come sempre , la NON religione più TOLLERANTE, la NON -RELIGIONE DI PACE, come la chiamano gli imbecilli ( nella chiesa cattolica e fuori di essa),vale a dire l’Islam, offre il solito spettacolo di civiltà e di apertura al mondo.
    Anch’io mi associo alla vostra proposta, cioè a quella di dare immediato asilo politico ad Asia SE e QUANDO verrà scarcerata.
    Sarebbe anche ora che, come ci sono i gruppi di preghiera cristiani che a turno, nel mondo, recitano notte e giorno l’Ave Maria, così vorrei che noi ,a turno, notte e giorno , inviassimo alle ambasciate e al governo del FUCKISTAN lettere con critiche feroci e perchè no? PAROLACCE all’indirizzo del corano e di maometto o, se preferite MACONE FALSO E RIO, come era scritto nel Morgante.
    Che farebbe il FUCKISTAN? Ci verrebbe a cercare tutti quanti per condannarci alla tollerantissima pena di morte?

Rispondi