Giu 27

Grave il silenzio di Renzi e del Governo Italiano nella Giornata mondiale per la lotta alla droga

È molto grave il silenzio del presidente del Consiglio Renzi e del Governo italiano nel giorno in cui si celebra la Giornata mondiale per la lotta alla droga istituita dall’Onu. Mentre in tutto il mondo le Istituzioni sono impegnate a richiamare l’attenzione su questo tema importante e si svolgono iniziative di sensibilizzazione, l’Esecutivo tutto tace per far passare nel silenzio questo appuntamento. Comportamento che purtroppo non ci stupisce, visto che tra le poche cose fatte dal governo Renzi c’è stata l’approvazione del decreto legge sulla depenalizzazione della droga. Provvedimento scellerato che Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale ha fortemente contestato in Parlamento e scendendo in piazza, con la consegna simbolica di uno spinello gigante al premier Renzi. Una protesta goliardica e pacifica sotto Palazzo Chigi subito censurata e interrotta dall’intervento delle Forze dell’Ordine e che è costata addirittura la denuncia penale ad alcuni militanti presenti.

Giu 27

Gravissimo il silenzio di Laura Boldrini sul convegno dedicato a Giorgio Almirante

Gravissima l’assenza del presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini all’iniziativa dedicata a Giorgio Almirante, che non solo non ha ritenuto opportuno far partecipare in rappresentanza di Montecitorio un suo vice ma non si è neanche degnata di inviare un messaggio di saluto. Per fortuna lo ha fatto il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che a differenza della Boldrini sa cosa significhi rappresentare un’Istituzione e sa anche chi era Giorgio Almirante. Cosa probabilmente ignota alla  Boldrini.

Giu 26

Singolare la raccolta di firme di Ncd. E’ un partito di governo, presenti le sue proposte a Renzi

È singolare che un partito di governo che può contare su tre ministri, due viceministri e sei sottosegretari si presenti in conferenza stampa per lanciare tre proposte di legge di iniziativa popolare su temi di indirizzo dell’Esecutivo come le riforme istituzionali, il fisco e la giustizia. Quando una forza di governo vuole fare approvare un provvedimento non raccoglie le firme ma lo sottopone all’attenzione del Presidente del Consiglio e lo presenta in Consiglio dei Ministri. Se Ncd vuole veramente realizzare le riforme che presenta oggi, ponga l’approvazione di queste proposte come condizione per continuare a far parte del governo Renzi. Altrimenti il dubbio che si voglia fare soltanto propaganda sorge spontaneo.

Giu 23

FdI-An contraria a ogni forma di immunità per i membri di un Senato a elezione indiretta e di una Camera eletta con le liste bloccate

Ogni ipotesi di immunità parlamentare non può prescindere dalla elezione diretta di deputati e senatori. Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale è contraria a ogni forma di immunità per i membri di un Senato a elezione indiretta e di una Camera eletta con le liste bloccate. Diverso sarebbe se ci fosse un sistema capace di garantire al popolo un reale controllo democratico sull’operato dei propri rappresentanti. In questo caso il dibattito sarebbe interessante anche tenendo conto del fatto che in Italia non sono ancora contemplati la responsabilità civile dei magistrati o reali strumenti di verifica su possibili ingerenze della magistratura sulle prerogative del Parlamento.