Gen 11

Marò: Fratelli d'Italia ha scritto al presidente della Camera Boldrini, ministro Bonino riferisca in Aula

Fratelli d’Italia ha inviato al presidente della Camera, Laura Boldrini, una informativa urgente per chiedere l’intervento in aula del ministro degli Esteri Emma Bonino sulla vicenda dei nostri marò Latorre e Girone. Le indiscrezioni apparse sulla stampa indiana, secondo cui i nostri fucilieri rischiano la pena di morte, avvalorate dalle dichiarazioni del ministro dell’Interno indiano Sushil Kumar Shinde secondi il quale“una decisione verrà presa entro due tre giorni” sono estremamente preoccupanti e non possono passare sotto silenzio.

Leggi tutto

Gen 10

Pensioni d'oro: pronti a querelare per diffamazione co-fondatore Popolo Viola

Il gruppo di Fratelli d’Italia alla Camera è pronto a sporgere formale querela per diffamazione nei confronti di Franz Mannino, co-fondatore del popolo viola, dopo l’articolo apparso oggi sul sito del movimento di cui fa parte. Il signor Mannino ci accusa di essere tra coloro che hanno salvato le pensioni d’oro e stila una lista di 337 nomi, ovvero coloro che non hanno votato la mozione presentata dal Movimento cinque stelle, definendoli “difensori dei privilegi dei paperoni d’Italia” Il mio nome in particolare è indicato tra “chi ha votato più convintamente a favore delle pensioni d’oro”.

Leggi tutto

Gen 10

Piemonte: sentenza discutibile nel merito e nella tempistica, solidarietà a Cota e a 2 milioni di piemontesi

Desidero esprimere la solidarietà di Fratelli d’Italia a Roberto Cota e ai 2 milioni di piemontesi che nel 2010 hanno votato direttamente il Presidente della Regione e sostenuto il centrodestra. Una sentenza discutibile nel merito e nella tempistica con la quale è stata adottata, se si tiene conto che arriva nello stesso giorno in cui Sergio Chiamparino dichiara la sua disponibilità a candidarsi a Governatore per il centrosinistra e la Procura decide di archiviare, unico caso tra 33, la posizione dell’ex sindaco di Torino all’interno del caso Murazzi. Siamo molto colpiti dal comportamento dei magistrati che sembrano voler negare la sovranità popolare e togliere ai cittadini il diritto di scegliere da chi farsi rappresentare.

Gen 10

Famiglia: tra quattro generazioni i bambini italiani avranno sedici cognomi

La proposta varata dal CdM sul doppio cognome non aiuta l’armonia familiare, anzi, la mette fortemente in discussione. Per non litigare costantemente infatti è quasi scontato che i genitori opteranno per la scelta del doppio cognome. Ci ritroveremo dunque dei bambini, da oggi e fino alle prossime quattro generazioni, con una media di sedici cognomi diversi per ciascuno. Senza contare che fratelli e sorelle con lo stesso padre e la stessa madre, potrebbero avere cognomi diversi, poiché non è prevista l’applicazione retroattiva di questa norma.

Leggi tutto