Bilinguismo: bocciatura a maggioranza mozione Fratelli d’Italia tradisce volontà governo di ritirare ricorso

Il fatto che alla Camera, a maggioranza, sia stata bocciata la mozione di Fratelli d’Italia a tutela del bilinguismo in Alto Adige, ovvero l’unica che impegnava chiaramente il governo a non ritirare il ricorso alla Corte Costituzionale contro la legge della Provincia di Bolzano che cancella i toponimi italiani, tradisce la volontà dell’Esecutivo di arrivare al ritiro dell’impugnativa, magari giustificato da una minima modifica nella legge in questione. Speriamo di venire smentiti e attendiamo su questo chiarimenti definitivi dal ministro competente.

Sarebbe gravissimo e avvilente se il diritto di un’intera comunità fosse sacrificato sull’altare dell’interesse di uno o più partiti: ricordiamo, infatti, che in sede di accordi preelettorali la Svp chiese la disponibilità di Bersani a ritirare quel ricorso in caso di vittoria del centrosinistra. Questo perché uno dei tanti sogni dichiarati dalla Sudtiroler Volkspartei è quello di ridurre ad appena 500 i toponimi di lingua italiana nella provincia di Bolzano, che oggi sono 8500 a fronte di 120.000 toponimi tedeschi. Il Parlamento si pone giustamente il problema di difende qualunque minoranza ma non riesce a tutelare la minoranza di lingua italiana in alto Adige. E una Nazione che non riesce a difendere i suoi figli, la sua cultura, la sua identità non può definirsi tale.

Condividi

1 commento

    • francesca il 17 Luglio 2013 alle 07:19

    E’ mio modestissimo parere, che dobbiamo tutti imparare a rispettarci, in ALTO aDIGE , vogliono difendere la loro identità e parlano pur sapendo di essere italiani il tedesco, vicino al confine tendono a parlare la lingua che più si confa’ a loro, è una colpa? I toponomi devono restare sia in lingua italiana che tedesca, soprattutto per chi italiani come me si reca lì per una gita o vacanza, e non deve sentirsi straniera, siamo noi la minoranza, quelli fuori da quel territorio questo è sbagliato, comunque apprezzo la loro volontà a difesa dell’ambiente, il turismo bene organizzato, rispettano le regole, forse qualche piccola colpa alla fine ricade su di noi. Grazie per attenzione Francesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.