Siria: Fratelli d’Italia contrario a coinvolgimento italiano

Fratelli d’Italia non intende avallare alcun intervento militare in Siria. L’Italia ha già pagato il sostegno ai suoi alleati quando è stato necessario e giusto farlo, come nei conflitti in Iraq e in Afghanistan, esattamente come già contribuiamo attivamente a numerose missioni Onu, come in Libano e in Kosovo. Non capiamo però quale sia la strategia che Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti vogliono adottare in Nordafrica e in Medio Oriente.

Con l’intervento militare in Libia e il sostegno alle cosiddette “primavere arabe” si è fin qui ottenuto solo il risultato di destabilizzare l’area e rafforzare l’integralismo islamico. È quello che accadrebbe anche con un intervento militare in Siria.

Il sospetto che queste grandi e piccole potenze militari siano mosse dalla volontà di accrescere la propria influenza geopolitica nell’area e che in nome di questo trascurino le conseguenze di medio e lungo periodo del loro agire è purtroppo sempre più forte, anche agli occhi di osservatori solitamente prudenti. Saremmo, perciò, contrari a coinvolgere le nostre Forze Armate e l’Italia in una nuova campagna, che non ha alcuna giustificazione sotto il profilo dell’interesse nazionale e che stentiamo a credere sia mossa da ragioni umanitarie.

Condividi

1 commento

    • Pietro Gentili il 29 Agosto 2013 alle 16:54

    L’Italia la guerra già la sta combattendo essendo invasa ogni giorno da centinaia di migranti provenienti proprio dai luoghi della “Primavera Araba” una primavera che si è rivelata per l’Italia un inverno come quello di Stalingrado. Se nel 2013 siamo ancora alle guerre di religione la politica, ma specialmente gli uomini che la conducono, ha fallito e dovranno passare ancora milleni prima che una vera pace avvolga la Terra tutta. On. Meloni con stima la seguo, avanti così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.