Marò: Governo li dimentica e Roma li cancella, noi li rivogliamo a casa

«Il governo li dimentica, il sindaco di Roma li cancella. Noi li rivogliamo a casa»: queste le parole che campeggiano sulla foto dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone pubblicata su Facebook dal presidente dei deputati di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, come immagine di copertina.

«A Marino che toglie l’immagine dei marò da piazza del Campidoglio – ha postato il capogruppo alla Camera di FdI – , rispondiamo pubblicandola sulle nostre bacheche. Vi invitiamo a fare la stessa cosa, finché il sindaco di Roma non la rimetterà al suo posto».

Scarica copertina di facebook

Condividi

1 commento

    • pietro il 30 Ottobre 2013 alle 12:50

    presidenza.repubblica@quirinale.it

    Signor Presidente della Repubblica,
    sono un cittadino orgoglioso di essere ITALIANO
    Mi permetto di rivolgermi a Lei quale Comandante Supremo delle Forze Armate, per sollecitare un Suo pieno ed autorevole intervento a favore dei nostri marò La Torre Massimiliano e Girone Salvatore che, nell’espletamento legittimo della missione loro affidatagli a bordo di un’unità mercantile Italiana in navigazione in acque internazionali, sono stati illecitamente fermati, interrogati, disarmati e detenuti in palese violazione del diritto internazionale ed in totale spregio della sovranità nazionale Italiana.
    Io, e come me tutti gli ITALIANI, ed i marò, che hanno giurato fedeltà alla Repubblica ed alle Sue Istituzioni sino all’estremo sacrificio.
    Qusti ragazzi e non dimentichiamo gli altri marò a bordo del’unità mercantile, che prestano servizio all’estero nei teatri operativi che li vedono impegnati in una missioni di pace, ed antipirateria; hanno sempre eseguito gli ordini con totale abnegazione e senza mai metterli in discussione, sicuro di obbedire all’azione di comando dei superiori fino ad arrivare ad Ella e consapevoli del fatto che in quel momento loro rappresentano l’Italia tutta,. Per questo tutti noi ci aspettiamo che sia la Repubblica e le Sue Istituzioni a giudicare le loro azioni e non altre Nazioni che oltretutto non osservano le regole del Diritto Internazionale.
    Con il massimo rispetto Le porgo il mio saluto.
    Viva l’Italia!
    Viva la Repubblica Italiana

    Ingargiola Pietro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.