Province: il risultato delle elezioni è delirante, una lottizzazione degna dell’Unione sovietica

Renzi e Delrio avevano pomposamente annunciato la cancellazione delle province ma oggi si è conclusa l’elezione per i nuovi consigli metropolitani e provinciali, non scelti dal popolo attraverso libere elezioni ma scelti dai consiglieri tra di loro.

Il risultato è delirante: il centrosinistra conquista praticamente il 90% dei presidenti, un 10% circa il centrodestra, 0 spaccato forze come il Movimento 5 Stelle che pure oggi è il secondo partito più votato d’Italia. Ecco, neanche in Unione sovietica sarebbe riusciti a mettere in atto un simile disegno e a farlo passare sotto il silenzio generale.

È una vergogna che Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale già da domani inizierà a denunciare e a combattere per chiedere che siano i cittadini a eleggere i propri rappresentanti. E lo faremo nonostante il risultato ottimo raggiunto dal nostro movimento, presente in tutte le principali città metropolitane e in tantissimi consigli provinciali, perché in Italia non c’è una dittatura ma una democrazia.

E vorrei sapere cosa ne pensa di questo il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, garante della Costituzione. Quella Costituzione che all’art.1 recita: ‘la sovranità appartiene al popolo’.

Condividi

1 commento

  1. Questa farsa della “cancellazione delle province” è servita soltanto a rinforzare ed affermare ulteriormente il PD “in sordina”, poiché “quello” lo scopo predominante. Una trasposizione dittatoriale in forma evoluta e moderna. Era chiaro e palese che allo stato attuale il 90% delle presidenze alle province si sarebbe ricoperto dello stesso colore. Quello che appare ancora più’ assurdo è che adesso bisognerà attivare una massiccia e forse anche “improbabile” campagna informativa nei confronti dei cittadini per qualcosa di cui la stra maggioranza non era neppure al corrente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.