fbpx

Feb 07

Scandaloso il no del Governo e del Pd alla pubblicazione della lista dei grandi debitori delle banche in crisi

Scandalosa decisione del Governo e del Pd di non rendere pubblica la lista dei grandi insolventi che hanno causato il crack delle banche salvate dallo Stato con i soldi degli italiani. L’Italia è ostaggio di una cricca di malfattori composta da banchieri disonesti, affaristi spregiudicati e politici compiacenti.

Sarà il popolo a fare giustizia appena gli verrà data la possibilità di votare. E gli italiani sappiano sin da ora che, se ci daranno il loro consenso per governare, faremo piena luce su questo sistema malato e ne chiederemo conto ai responsabili.

Condividi

2 comments

    • Vincenzo Zappalà on 7 Feb 2017 at 18:15
    • Rispondi

    Bene, bravi! Se continuano così Governo e PD perderanno ancora molti voti!!
    Speriamo che finalmente siano cacciati a furor di popolo!!

    • michele on 9 Feb 2017 at 10:21
    • Rispondi

    no no mi si conceda signora Meloni lo scandaloso è che ci si continui a scandalizzare .
    il PCI aveva per antagonismo con la DC una struttura economica imprenditoriale sempre negata, ma casualmente i vertici e le strutture erano in qualche modo del partito (unico modo per smentirmi è dimostrare che un DC era a capo di una cooperativa o banca o azienda “rossa”), il PD è una deriva del PCI il quale durante le mutazioni genetiche (ulivo etc) ha raccolto per strada intere schiere della democrazia cristiana (Prodi non è un comunista ma democristiano ed è un paradosso storico meraviglioso milioni di comunisti che hanno infamato per 40 anni la DC che votano un DC ) , quindi i due antagonisti con strutture economiche simili hanno avuto una specie di fusione , se storicamente aveva senso causa finanziamenti dell’URSS al PCI e della chiesa e degli USA alla DC,(la storia è storia), oggi va fermato tutto questo , invece proseguono .
    Da qui la mia affermazione che non ci si può scandalizzare , vanno fatte e vanno rispettate leggi chiare , la legge contro Berlusconi (conflitto interessi) tanto declamata dal pci, dall ulivo, dal pd serviva solo a “comprare” voti , perchè se fosse stata fatta, secondo me, sarebbe saltata mezza struttura di sinistra .
    E la cosa continua perchè oramai il connubio di persone che come dice giustamente lei fanno cricca continua perchè è una cultura , esempio pratico :
    io vado in banca e non so, ho 100.000 euro di debiti causa fallimento di una mia attività o di spese pazze faccia Lei , mi presento alla banca, la banca ascolta attentamente e poi mi fa notare che ho un debito da coprire oppure che la banca non può assumersi rischi se non a fronte di garanzie.
    Nuovo stadio della roma (sentito ieri su radio 24) un privato che ha già avuto un tracollo precedente con buco da 400.000 euro si offre di fare lo stadio più altre strutture , ha il terreno ma non ha liquidità, la roma stessa non ha liquidità per l’opera, 1miliardo e 500 milioni se non ricordo male (un terzo della manovra economica che vuole l’europa ladra) quindi la roma e l’imprenditore dovranno cercare partner ma con una cifra cosi dubito che ci siano partner con tale liquidità e infine chiedere fondi alle banche , e ci risiamo …… le banche l’accorderanno di certo , ma se malauguratamente diventasse l’ennesima cattedrale nel deserto.
    Ancora una volta aumenteranno le accise aumenterà qualcosa o troveranno il modo per non pagare i correntisti e salvare con altri soldi nostri la banca .
    sarebbe ora che ,come succede in qualunque azienda se sbagli paghi e chiudi , permettendo cosi che nuovi entrino nel mercato .
    un rispettoso buona giornata a tutti
    scusate la lunghezza e gli errori del messaggio .

Rispondi