fbpx

Ago 24

Chi commette reati non è rifugiato e va espulso

Scene di ordinaria follia nel centro di Roma a due passi dalla stazione Termini: gli immigrati e i centri sociali che da 4 anni occupavano abusivamente il palazzo di via Curtatone hanno organizzato un’indegna guerriglia urbana aggredendo le Forze dell’Ordine con bombole di gas, sassi e bottiglie incendiarie.

Basta con la tolleranza, basta col buonismo della sinistra, basta con la complicità delle solite Ong che difendono l’indifendibile: chi commette reati non è un rifugiato ma un banale criminale, non ha nessun diritto ad essere accolto a spese degli italiani e deve essere espulso immediatamente dall’Italia.

Condividi

1 comment

    • Giovanni on 7 Set 2017 at 15:31
    • Rispondi

    La galera a casa loro, voglio vedere se al paese loro si comportano come da noi.

Rispondi