fbpx

Mar 22

Non è mia Italia quella in cui italiani non possono curarsi in regione che vogliono

Secondo il Giornale un provvedimento in arrivo nella Conferenza Stato-Regioni vieterebbe a un malato, anche grave, di curarsi in una regione diversa da quella di residenza. Ma di cosa stiamo parlando? Un malato di tumore secondo Gentiloni deve avere chances diverse di guarire in base alla regione di nascita? Se questa è ancora una nazione, e per Fratelli d’Italia lo è, allora gli italiani sono tutti uguali e si curano dove ritengono sia meglio per la loro salute.

E se si vuole combattere il fenomeno del turismo sanitario, allora si lavori per rendere la sanità efficiente in tutte le regioni allo stesso modo.

L’incapacità di chi governa non ricada su persone innocenti. Denunceremo a tutti i livelli questo scempio e siamo pronti a batterci per impedirne l’approvazione.

Condividi

5 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Ewa Wojcikowska on 22 Mar 2018 at 19:44
    • Rispondi

    a Genova per visita ortopedica si aspetta da novembre 2017 a giugno 2018

    • Crocetti Riccardo on 22 Mar 2018 at 20:10
    • Rispondi

    Gentiloni è un ebete, un somaro calzato e vestito! Ma quando avremo la fortuna di vederlo fuori dalle scatole per sempre?

    • Ewa Wojcikowska on 23 Mar 2018 at 09:29
    • Rispondi

    Fuori anche gli altri, sopratutto quelli emeriti che hanno tradito la costituzione del POPOLO ITALIANO

  1. Sicuramente si tratta di ordini emanati da quel Renzi e poi approvati da Gentiloni . Mi chiedo ( anche se mi sono stufato di chiedermi ) ma gli italiani che hanno votato il PD …. non si lamentano ? Non hanno nulla da eccepire ?

    • Mariana on 24 Mar 2018 at 23:22
    • Rispondi

    Buona sera, se si parla della salute e da dire quella che c’è da dire, mio marito è un invalide civile, con invalidità 100%, un incidente stradale e dopo incidente sul lavoro, nel gennaio di 2014 a perso prima gamba, L’inail non ha riconosciuto che ha perso la gamba per quel incidente sul lavoro, non c’è più il corpo del reato. La seconda gamba per negligenza medica, in febbraio del 2015, ora lui tutto questo tempo in sedia a rotelle, senza gambe e braccio destro atrofizzato? non ha diritto a nulla, secondo L’INPS lui non è un disabile grave e io che lavoro non ho diritto alla legge 104, che c’è da fare? Secondo lei signora Meloni, dove da andare per i diritti di mio marito?

Rispondi