Risoluzione FdI per reti e infrastrutture strategiche pubbliche italiane

Dopo il crollo di Ponte Morandi, che poteva essere evitato se qualcuno avesse fatto bene il suo lavoro, Fratelli d’Italia porta in Parlamento le richieste di Genova e della Liguria e chiede anche la risoluzione del contratto di concessione con Autostrade per l’Italia senza oneri per lo Stato e il risarcimento danni, diretti e indiretti. Non solo: chiediamo che la proprietà delle reti e delle infrastrutture strategiche sia in mano pubblica e in mano italiana e che venga introdotta  una “clausola di salvaguardia dell’interesse nazionale”. Clausola che preveda, tra le altre cose, l’obbligo di rinvestire gli utili che eccedono il 15% dei ricavi nell’ammodernamento dell’infrastruttura e che il gestore abbia sede legale e fiscale in Italia. E’ così che si difendono gli interessi nazionali e un governo autenticamente sovranista non avrebbe dato parere contrario. Ministro Toninelli, avevo dei dubbi sul fatto che il M5S fosse un movimento sovranista: me li avete tolti.

SCARICA RISOLUZIONE IN PDF

In diretta dalla Camera per la dichiarazione di voto sulla risoluzione di Fratelli d’Italia sugli interventi urgenti da adottare per Genova e la Liguria dopo il crollo del ponte Morandi e sui temi delle infrastrutture e delle concessioni autostradali

Pubblicato da Giorgia Meloni su Martedì 4 settembre 2018

Condividi

1 commento

    • Giovanni il 5 Settembre 2018 alle 11:09

    Considerata la vicenda di Alitalia e dell’IRI ai tempi di Prodi non so se ci sono le condizioni per lo Stato di gestire le autostrade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.