Ott 11

Chi in Europa nega parità uomo-donna e vuole Sharia vada a vivere in Stati musulmani

Le donne europee non hanno fatto secoli di lotte per i loro diritti per ritrovarsi in casa chi, in nome dell’Islam, nega la parità tra uomini e donne. A chi non piace la civiltà europea e preferisce seguire la sharia può andare a vivere da qualche altra parte, il mondo è grande e pieno di Stati musulmani.

Condividi

7 comments

Vai al modulo dei commenti

    • EMANUEL on 11 Ottobre 2018 at 19:42
    • Rispondi

    DAVANTI A S.PETRONIO PER ADORARE UNA PIETRA… SONO IMBECILLI DA SPEDIRE SENZA RICEVUTA DI RITORNO!

    • Crocetti Riccardo on 11 Ottobre 2018 at 21:03
    • Rispondi

    Ma questa foto OFFENSIVA di quand’è? La merda mussulmana se ne può andare fuori dall’Italia anche subito! Non è la suddetta “manifestazione” occupazione abusiva di suolo pubblico? E/o manifestazione ( del cazzo) non autorizzata?
    Per il resto ribadisco la mia posizione : fuori dall’occidente TUTTI i mussulmani!

  1. Proverbio napolletano che dice tutto.
    N’ce piacioita a bicvicletta e mò, pedalammo!
    Cari amici gli sbagli che si fanno, in tutti i campi, si pagano.
    Noi (italiani, di sbagli ne abbiamo fatto,………..e lo sappiamo bene. ora li stiamo pagando!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Pino 007 on 12 Ottobre 2018 at 01:00
    • Rispondi

    Chi era quella famosa cantante che cantava…..” Parole Parole…..” tante parole. Ora penso che bisognerebbe dare un seguito a queste parole. Leggo e rileggo costantemente che siamo tutti stufi di questa situazione, meglio chiamarla, invasione islamica, ma non si muove un dito. Altro detto di un fu…. “Armiamoci e partiamo ” e allora ???? Fatemi sapere.

    • Pino 007 on 12 Ottobre 2018 at 01:17
    • Rispondi

    ….. Aggiungo…. se non si inizia con l’eliminare, cioe’, togliere di mezzo rispedendoli al mittente, i vari imam, destabilizzatori che predicano il terrore per impossessarsi del nostro Paese, non potremo mai vedere i loro seguaci andarsene. Togliendo di mezzo gli istigatori non sapranno piu’ come muoversi. Il musulmano e come una pecora, da solo e’ perso ma in massa sono un pericolo. Ho letto che ci sono imam italiani ( convertiti ) questi vanno messi in galera, senza il telefonino, principale pericolo di comunicazione. Per gli altri imam, quelli veri, vanno rimpatriati su due piedi come persone non grate, essendo istigatori al terrorismo. Come vedete queste sono le prime necessarie misure per ristabilire l’ordine e ridare l’Italia agli italiani.

    • Franco Cordiale on 12 Ottobre 2018 at 18:10
    • Rispondi

    Alla base del problema esiste il concetto di SOCIETA’ MULTIETNICA, multi-culturale…multi questo e multi quell’altro… Negli USA e in Canada, come riscontrato personalmente venti anni fa’, il principio di TOLLERANZA, sacrosanto nelle democrazie, consente ad ogni gruppo di praticare la religione che crede (o di non praticarne nessuna), ma dentro SPAZI PRIVATI i quali forniscano le necessarie GARANZIE di LEGGE ! In Italia invece si assiste ad una progressiva INVASIONE degli SPAZI PUBBLICI da parte ISLAMICA e la foto di piazza Maggiore a Bologna (antistante San Petronio), occupata per intero durante la preghiera islamica del venerdì, ne é documento esemplare. Dietro gli “spazi all’islam” ci sono i sindaci del PD, come il Sala di Milano (che auspica una resistenza anti-Salvini fornita dai seguenti: immigrati, mussulmani, zingari, gay e quant’altro…) e c’é la chiesa di papa Bergoglio, con i suoi vescovi che si stracciano le vesti, purché i “fratelli islamici” non vengano “discriminati”, poverini ! Dunque la democratica TOLLERANZA qui non c’entra un tubo ! Ma si manifesta invece un costante cedimento, a volte per passività succube, ma più spesso per calcolo politico. A tale cedevolezza é giusto e sacrosanto rispondere che in Italia hanno diritto di PIENA MANIFESTAZIONE i riti e le tradizioni legate alla cultura del nostro paese ! Altro che ABOLIRE la celebrazione del Natale nelle scuole per non “offendere Mustafà ed Abdullah !!
    Che lo voglia la MASSONERIA é indubbio: come un ariete per spazzare via il nostro passato e la nostra IDENTITA’ ! In un secondo momento saranno omologati anche loro…

    • Ivan G. on 12 Ottobre 2018 at 21:22
    • Rispondi

    Ha detto bene il sig. Franco: chissà che non vedremo anche i grembiulini col burka.

Rispondi