Juncker aiutaci a difendere il prodotto italiano e ti offriamo bicchiere di grappa

Nel corso del suo tour in Trentino Alto Adige per le elezioni provinciali e regionali del 21 ottobre, il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha scelto la Distilleria Marzadro di Nogaredo, azienda italiana d’eccellenza nel settore della distillazione della grappa e della produzione di alcolici, per mandare un video messaggio al presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker.

«Oggi siamo nella Distilleria Marzadro – ha detto Meloni nel video pubblicato sulla sua pagina Facebook – , in un luogo storico dove si producono dei distillati di assoluto livello nazionale e internazionale. Caro Presidente, ti offriamo una grappa se ci aiuti a difendere il prodotto italiano e se l’Unione europea, anziché continuare a colpire i prodotti italiani, ci aiuta a difendere l’unico elemento che può davvero rafforzarci nel mercato internazionale mondiale e nel tempo della globalizzazione: la difesa dei nostri prodotti di qualità».

«Vieni Jean Claude – ha concluso Meloni rivolgendo un invito al presidente della Commissione Europea – , ti portiamo a vedere questo posto stupendo e poi beviamo un bicchiere insieme».


Condividi

2 commenti

    • Franco Cordiale il 12 Ottobre 2018 alle 18:35

    Io non so se mai accetterebbe…Non so nemmeno cosa beva esattamente il signor Junker. Ne risultano quel bel naso rubizzo e “ragionamenti” che assomigliano tanto a sproloqui, quando ci accusa di “populismo” e di “razzismo”. Il guaio é che insiste a volercela DARE a BERE, servendosi del “partito democratico” e di molti prelati e presuli della chiesa bergogliana come coppieri. In questo caso: meglio essere astemi !

  1. SI, Giorgia, digli che noi in fin dei conti, non gli teniamo rancore per tutte quelle decisioni che ispirano pietismo verso i neri dell’Africa, in ITALIA siamo stati fin troppo pazienti : ma poi quando è troppo non si può tollerare lo schiavismo dei Neri Africani come facevano negli Stati Confederati del SUD degli USA che si son pentiti amaramente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.