Nov 02

Quanto dobbiamo ancora sopportare queste forme di inciviltà e questo fanatismo?

Proteste in Pakistan contro l’assoluzione della donna cristiana Asia Bibi per il reato di “blasfemia”: gli islamisti vorrebbero la pena di morte di questa donna, già rimasta in carcere molti anni, colpevole, a loro dire, di avere “insultato Maometto”. Quanto dobbiamo ancora sopportare queste forme di inciviltà e questo fanatismo? La pena di morte per blasfemia (che per questa gente vuol dire qualsiasi cosa), per apostasia (compreso chi si converte al cristianesimo), per adulterio, omosessualità, stregoneria (vai a capire cos’è), è prevista in moltissimi stati musulmani, come Pakistan, Arabia saudita e Qatar che qualcuno considera “Stati amici e moderati”. Gli stessi che finanziano le moschee e fanno proselitismo a casa nostra. Basta perdere tempo con chi deve ancora uscire dal medioevo.

Condividi

7 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Pino 007 on 2 Novembre 2018 at 03:59
    • Rispondi

    Questo e’ quello che ci tocchera’ se lasciamo che l’islamismo entri in Italia e in tutta Europa. Purtroppo molti di noi siamo cechi e non vediamo oltre la punta del nostro naso. La loro furbizia sta nel fare le vittime ( specializzati ) quindi di passare come vittime di guerre che loro stessi creano per poi essere accolti (ragioni umane ) nei nostri territori europei. Una volta dentro, (come un cancro con le loro metastasi ) imporranno le loro leggi, ma allora sara’ troppo tardi. Non dimenticate che un musulmano da solo non sa muoversi , e’ vile, ma in massa diventano un terroristico pericolo. Teniamoli fuori prima che sia troppo tardi.

    • Pino 007 on 2 Novembre 2018 at 04:04
    • Rispondi

    Il musulmano o l’arabo in generale, odia le donne e le considera esseri inferiori, ma gli servono solo come fattrici per creare altri terroristi. Per loro avere una figlia e’ un disonore, sono orgogliosi solo se maschio. Come vedete, neanche loro sanno quello che vogliono. Un inutile e pericoloso popolo.

  1. io ho vissuto in un paese arabo, studiando il corano, mi sono accorto dell’indole violenta in cui questa fede, usa predicare la stessa, la guerra che fece il loro Profeta principale, viene definita “SANTA”

  2. signor Pino ricordati che le donne vengono considerate veicolo del peccato, in Libya era vietata qualsiasi forma di civetteria femminile è portatrice di peccato sessuale ed anche nella fede Abramitica Judaica, le donne non possono entrare nella Sinagoga…….finchè Christo difese la Maddalena dalla lapidazione, quindi autorizzò le donne a percepire la Fede come conforto della nostra Anima…….

    • Franco Cordiale on 2 Novembre 2018 at 17:49
    • Rispondi

    I radicali o radi-coglioni, come sarebbe più appropriato definirli, vanno cianciando di “allarme razzismo”, insieme al cartello masochista delle sinistre. Masochista ed insieme colluso, complice, per amor di sorosiano e massonico denaro e velleità di dominio “culturale” sui nuovi venuti di africa e di asia, sperando anche di prenderne i voti. Ma la massa islamizzata é oggettivamente INDIETRO DI SECOLI: vedi democrazia, dialogo con il “diverso”, trattamento delle donne, fanatismo religioso come brutale DOMINAZIONE RAZZISTA verso chiunque non professa il loro credo. Quando costoro saranno non dico maggioranza, ma minoranze agguerrite e numerose, finanziate da ARABIA ed EMIRATI, vedrete come cambieranno musica ! Fanno scuola le banlieue francesi, belghe, inglesi e tedesche, dove peraltro lo Stato non é la risaputa buffonata che vige da noi. Liberi i radical-chic di rito boldrinesco di porsi alla pecorina, proni ai nuovi padroni islamici. Idem per i redattori di varia stampa cattolica…Ma forse gli italiani la pensano altrimenti. E io con loro.

    • Gianni Brespa on 2 Novembre 2018 at 20:06
    • Rispondi

    E più i barbari ne fanno più sono amati, protetti e difesi da sinistri, buonisti, tonti in genere come dalle varie salvatrici alla sciagurata ricerca di mandinghi, che abusano della pazienza dei propri concittadini. Fino a quando loro, minoranza, faranno i generosi con quelli che sono beni preziosi di tutti, anzi più degli altri che sono la maggioranza del popolo italiano.

    • Antonio Passaro on 5 Novembre 2018 at 09:00
    • Rispondi

    QUELLO CHE DICE PINO 07 BISOGNEREBBE DIRLO A PARENZO CHE TRASMETTE IN RADIO 24 UN ANTI ITALIANO AL MILLE PER CENTO E PENSARE CHE IL GOERNO PASSATO GLI HA DATO LA SCORTA E L’AUTISTA . E’ UNA VERA VERGOGNA

Rispondi