fbpx

Nov 05

FdI porta tricolori in tanti luoghi simbolo per dire ieri come oggi non passa lo straniero (video)

 

 
Più di 600mila soldati sono morti nelle trincee della Prima Guerra Mondiale per consegnare all’Italia sovranità e libertà. È una vergogna che a cento anni di distanza non si ritenga di dover onorare adeguatamente quel sacrificio. Le istituzioni non hanno fatto quasi nulla: niente alla Camera, niente al Senato, niente Roma Capitale, il Presidente della Repubblica è stato a Redipuglia con un monumento quasi chiuso. Molti dei monumenti italiani sono stati chiusi e la consideriamo una vergogna così come vergognoso è che Fratelli d’Italia sia stato l’unico partito italiano a ritenere di dover celebrare questa giornata.
 
Fratelli d’Italia ha organizzato tante iniziative per rendere omaggio a quel sacrificio compiuto in nome della libertà e della sovranità. Per noi una Nazione è libera e sovrana quando controlla le sue infrastrutture strategiche, quando non consente che ci siano zone franche in mano alla criminalità, quando tutela i suoi prodotti e difende le sue aziende. Sono tanti i tricolori che su tutto il territorio nazionale stiamo portando in questi luoghi simbolo per dire: oggi come ieri non passa lo straniero.
 

Condividi

1 comment

    • Franco Cordiale on 5 Novembre 2018 at 03:10
    • Rispondi

    Se lo straniero é un barbaro, un incivile, un parassita e un delinquente venuto in branco da noi a fare i suoi PORCI COMODI, dobbiamo fare come farebbero a casa sua verso di noi, qualora avessimo analoghi comportamenti. Invece verso chi vuole integrarsi rispettando nostre leggi e tradizioni, il discorso cambia. Ma non succederà mai se prima non toglieremo agli immigrati quella stampella infetta ed ipocrita loro offerta dai CATTO-COMUNISTI : anche se stuprate ed ammazzate, poveri stranieri, detti anche “risorse”, il problema vero non siete voi, ma i “razzisti-fascisti-xenofobi” che, tricolore in pugno, rivendicano l’ITALIA AGLI ITALIANI ! Vedi la schifosa manifestazione ANPI a Cisterna, ambigua solidarietà verso l’entourage illegale straniero, cui appartengono i mascalzoni carnefici di quella povera ragazza !

Rispondi