fbpx

Nov 18

Doveroso dedicarle 25 novembre, la giornata contro la violenza sulle donne

 
Penso sia doveroso dedicare il prossimo 25 novembre, “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, a Desirée Mariottini, brutalmente violentata e uccisa da criminali senza scrupoli. Per lei e per tutte le vittime, Fratelli d’Italia rinnova la sua battaglia per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica su di un fenomeno gravissimo e speriamo che il nostro appello venga accolto da tutti. Diamo voce alle vittime di abusi: #STOPViolenzasulleDonne”.
 
Lo ha scritto su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.
Condividi

3 comments

    • Ewa Wojcikowska on 18 Nov 2018 at 18:37
    • Rispondi

    Dalla personale esperienza ho constatato che le tutte queste iniziative servono a NULLA. Gli uomini fanno quello che vogliono e riescono a piegare la legge per avere il loro tornaconto. Le associazioni varie offrono solo assistenza psicologica; ci vorrebbe assistenza legale di persone che hanno la voce in tribunale e ci credono e io non ne ho viste. Brutta esperienza con intervento della 118 e 112 e null’altro. La mia salute rovinata e sono stata accusata di tutto e di più, compreso stalking e condannata CONTUMACE; ho dovuto pagare 4550 euro di “danni”. In tribunale ha vinto lui. Adesso ex marito, fedifrago e violento, si è trasferito all’estero con la nuova moglie ” giovane gonnellina corta casalinga” e se la spassa con la sua pensione che si moltiplica per 4,3. A me ha fatto 5 cause diverse e l’ultima: vuole togliermi anche 300 euro di assegno mensile. Sono una ex insegnante pensionata Fornero ; ultima pensione 1120 euro. Chissà come andrà finire??? Ho 72 anni.

    • Gianni Brespa on 19 Nov 2018 at 12:35
    • Rispondi

    Sono le leggi che devono essere cambiate per punire veramente i responsabili e ostacolare gli emuli.

    • Ewa Wojcikowska on 19 Nov 2018 at 17:33
    • Rispondi

    Sono le leggi che devono essere cambiate per punire veramente i responsabili e ostacolare gli emuli. Ma anche il modo di fare di alcuni addetti alla giustizia.

Rispondi