In Europa unici a imporre follia fatturazione elettronica

In Europa siamo gli unici ad imporre la follia della fatturazione elettronica, correndo il rischio che i dati delle nostre aziende vengano acquisiti per essere poi rivenduti alla concorrenza straniera. In un periodo storico in cui il Made in Italy è già sotto attacco, mettere a nudo il nostro sistema industriale è pura follia.

LA FATTURA ELETTRONICA METTE A RISCHIO IL MADE IN ITALY

LA FATTURA ELETTRONICA METTE A RISCHIO IL MADE IN ITALYIl software gratuito dell'Agenzia delle Entrate è farraginoso e non si implementa con i sistemi gestionali delle aziende, mentre i sistemi che vendono le Software House sì, è evidente che le aziende sceglieranno dei software più flessibili e sviluppati meglio. Questo rappresenta un grosso rischio perché le software house potranno profilare l'intero tessuto industriale italiano, nel singolo dettaglio, potranno conoscere la "ricetta industriale" di ogni singola azienda italiana. Si saprà da chi si rifornisce, di cosa si rifornisce e a quanto vende, quali sono i sui margini di guadagno e tutti gli altri dati. Già le banche tracciano ogni singolo movimento finanziario, ora si consegnerà a delle società private anche i dati contabili e industriali. Il Governo accolga subito le richieste di Fratelli d'Italia.Firma contro l'obbligo della fattura elettronica! https://nofatturaelettronica.it/raccolta-firme/#nofatturaelettronica

Pubblicato da NO alla fatturazione elettronica – difendiamo le aziende italiane su Lunedì 19 novembre 2018

 

 

Condividi

3 commenti

    • Franco Cordiale il 21 Novembre 2018 alle 12:02

    Complicare la vita a chi lavora in proprio, creando pero’ la ricchezza dei prodotti di qualita’. Invece favorire la produzione Meccanica e Standardizzata, fatta girare per il globo inventando marchi ed etichette. A vantaggio dei grossi produttori, a partire dalla Cina e le multinazionali del commercio mondiale telematico. Noi italiani pagheremo il prezzo maggiore. Non si tratta solo di formaggio e di vino. Sta toccando alla nostra scuola. Alla nostra lingua. Alla nostra cultura. Questa pseudo scuola che stanno allestendo come un variopinto baraccone, sta cucinando le nuove generazioni come piatti ed anonimi utensili sociali. Tra non molto sara’ persona rara quella capace di leggere un libro o di intendere uno scritto non banale.

    • antonio velotto il 22 Novembre 2018 alle 06:34

    è vero

    • Gianni Brespa il 23 Novembre 2018 alle 10:51

    Tutto sta diventando 4.0, cioè fuori dalla realtà. Poi ci si rivolge a un ufficio pubblico (tipo Agenzia delle Entrate) e non capiscono neppure i documenti che gli si presentano e che qualcuno di loro ha spedito. Devono chiedere lumi a un collega più esperto o al capoufficio, che sa usare bene il computer, con attese e colpi di scena. Avanti popolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.