fbpx

Nov 21

Da moribonda commissione UE un altro attacco a Italia, ma Governo apre scontro su manovra ridicola

Un altro attacco contro l’Italia da parte della moribonda Commissione europea, sempre attenta con noi ma distratta quando le regole vengono violate da Francia o Germania. L’Italia merita il diritto di decidere per il bene dei suoi cittadini. Dispiace però che il Governo abbia scelto di aprire lo scontro su una manovra così ridicola, che massacra le aziende e spende miliardi, con il reddito di cittadinanza, per mantenere disoccupati i disoccupati.

Condividi

7 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Ewa Wojcikowska on 21 Nov 2018 at 13:16
    • Rispondi

    ITALIA – resisti ; è per il bene di noi tutti cittadini europei ma sopratutto ITALIANI che ci troviamo in situazioni difficilissime

  1. SPERO VIVAMENTE CHE, QUANTO PRIMA, SI POSSA INTONARE UN BEL REQUIEM A QUESTA EUROPA.
    QUESTA NON E’ LEUROPA UNITA PERF CUI HANNO LAVORATO I “PADRI FONDATORI”
    qUESTA E’ L’EURIPA DEI PèOLITICANDI DELLA PIU’ BASSA LEVA.
    sAREBBE PROPRIO IL CASO DI DISTRUGGERE PER RICOSTRUIRE.
    mI DISPIACE DIRLO, MA LA NAZIONE PIU’ INTELLIGENTE SI STA DIMOSTRATO LA gRAN BRETAGNA, ONORE AL MERITO!

    • Pino 007 on 21 Nov 2018 at 21:16
    • Rispondi

    Costerebbe piu’ affondare / distruggere la “UE” o far uscire l’Italia da questa trappola mortale ?Chi ebbe l’idea di una Europa unita , vedeva nel giusto , ma non poteva sapere che una montagna di inetti personaggi avrebbero approfittato di questa “MANNA” distruggendo e facendo soffrire i piu’ deboli. Oggi la si puo’ gia’ chiamare ” Europa Disunita “. Una mostruosa montatura costata e ancora costa, miliardi di denaro sprecato. Denaro che potrebbe aiutare tutti quei popoli che fuggono da fantasiose inesistenti guerre e si riversano in Europa sperando di poter continuare a vivere alle spalle di chi lavora veramente. Una “UE” che apparentemente approfitta di questa situazione per ergersi con prepotenza a capo dei Popoli associati. Chi ? al momento tanto la Francia come la Germania hanno gia’ da tempo iniziato questa lenta guerra per sottomettere definitivamente noi e qualche altro Paese, ma presto lo sapremo, sempre che riusciremo a sopravvivere. Un augurio di buon lavoro a chi spera in futuro migliore.

  2. Caro amico Pino, non puoi immaginare quanta ragione abbia nei tuoi pensieri sull’Eurapa, Unita dai padri fondatori, ma disunita e disumana daigli attuali “possessori”.
    Purtroppo il bue ha lalingua lunga ma non puù parlare; in questo caso il bue sono ioi……!
    Ma non sai quanto hai ragione!
    pURTROPPO ALLA MIA TARDA, ANZI, TARDISSIMA ETà NON HO LA FORZA DI LOTTARE. MA QUELLO CHE SO LO LASCERò SCRITTO!”
    tI DICO SOLO CHE CIù CHE E’ DI ATTUALITA, LO SAPEVO DAGLI ANNI 50!

    • Franco Cordiale on 22 Nov 2018 at 10:27
    • Rispondi

    L’Europa di Alcide De Gasperi, di Adenauer, di Schumann, niente ha a che vedere con “questa” Europa a direzione MASSONICA e PLUTOCRATICA (parola usata da Mussolini; ma in questo contesto la condivido). Al di là delle avventure penta-stellate, di cui non si sa come andranno a finire, esito di un populismo senza radici, senza identità, senza cultura, gestito da quattro “masanielli” nascosti dietro la faccia di un rispettabile docente, quale opino sia l’attuale premier, si deve organizzare una FORTE VISIONE di DESTRA: moderna, moderata nei linguaggi, ma determinata a difendere gli interessi nazionali e la cultura che la scuola stessa dell’Italia aveva a lungo espresso, specie nei licei. Ogni sforzo sia fatto a favore dell’unico, vero antidoto allo sfacelo che i globalisti ci stanno imponendo. Fate azione di propaganda, finalmente ! O bisogna lasciare la piazza ai soliti pirla dei “centri sociali” ?

    • Ewa Wojcikowska on 22 Nov 2018 at 10:53
    • Rispondi

    Tuoni, lampi, fulmini, saette, trombe d’aria, alluvioni, fango, onde anomale, burrasche, frane, ponti crollati – tutti disastri per l’Italia e nessuna considerazione dall’Europa??? E io pago …!!!

  3. Carissima “Sorella d’Italia, stati tranquilla, la UE, queswta Ue, cadrà

Rispondi