Da Corte Strasburgo prove generali di sottomissione, Italia protesti contro sentenza pro-sharia

Prove generali di sottomissione all’Islam. La Corte europea dei diritti umani ha stabilito che la sharia non è contraria ai diritti umani e che non è proibito creare dei gruppi separati che seguano le norme coraniche. Siamo alla negazione di millenni di storia europea e alla resa incondizionata nei confronti di chi vuole annientare la nostra libertà e la nostra cultura. L’Italia ignori questa sentenza fuori dal mondo e protesti formalmente contro questa vergogna, contraria ad ogni norma fondamentale della nostra civiltà.

Condividi

4 commenti

Skip to comment form

    • Alberto Busato on 30 Dicembre 2018 at 07:00
    • Reply

    Attenzione alla tecnica della penetrazione strisciante! O durezza ora, o sarà una catastrofe.

    • Franco Cordiale on 30 Dicembre 2018 at 10:24
    • Reply

    “Con le vostre leggi vi invaderemo; con le nostre vi domineremo. Verremo da voi, ma non verremo da amici; la nostra arma, sarà la pancia delle nostre donne!” Sono le parole che già negli anni settanta pronunciava il leader algerino Boumedienne, fatte proprie da molti altri arabi islamisti, da Gheddafi ad Erdogan, per non dire delle mafie radicali e terroriste: AL Quaeda, Isis, Boko Haram, Shabab, “fratelli mussulmani”, noti persecutori e assassini contro i cristiani copti di Egitto. Sul fatto che la UNIONE EUROPEA MASSONICA e MONDIALISTA veda assai di buon occhio questa invasione strisciante (ma già interi quartieri francesi, belgi, inglesi e anche italiani sono off limits per gli europei e le stesse Forze di Polizia, che devono entrarvi con elmi, scudi, blindati antisomossa se vogliono ristabilirvi un minimo di legalità), non abbiamo dubbi.La massoneria pensa di manipolare e soggiogare anche il radicalismo islamico, dopo avergli consentito di INVADERCI e di SOTTOMETTERCI. Unica speranza é la rapida costituzione di un FRONTE NAZIONALE ITALIANO, il che avverrà quando l’ibrida e contraddittoria formazione dei 5 stelle si sarà disfatta. Sarà la destra a distinguere ciò che andrà valorizzato e ciò che sarà invece da cancellare di questo governo giallo-verde. Bisognerà distinguere e “ritenere ciò che é buono”, respingendo il resto. Lo insegnava anche San Paolo. Fronte Nazionale Europeo, per un’Europa dei Popoli e delle Nazioni che i vari SOROS, Deutsche Bank, Rotschild, Rockefeller, JP Morgan & affini, stanno riducendo a tocchi. RIBELLIAMOCI !!!

    • Franco Cordiale on 30 Dicembre 2018 at 10:36
    • Reply

    L’ora delle scelte: o di qui, o di là ! Per i lacché anti-nazionali del PD che vogliono “europeizzarci” nel senso di ritornare ai “bei tempi” di Renzi, quando avvenivano seimila sbarchi di clandestini ogni tre giorni e gli interessi italiani in sede UE contavano come il due di briscola…Oppure per un governo PATRIOTTICO e NAZIONALE quale lo volevano non certo i “famigerati fascisti” ma i vari Alcide De Gasperi ed Enrico De Nicola che “fascisti” davvero non erano ! E via la maschera agli pseudo-partigiani dell’ANPI di oggi: i partigiani veri sono ormai quasi tutti morti per limiti di età e questi ciarlatani propagandisti piddioti ne sono ormai soltanto una penosa, ridicola, inutile caricatura. Avessero almeno a cuore le sorti del loro paese ! Ma non é affatto così…

  1. U8BI PETROLEUM IMPERAT, DIGNITAS DEFICIT.
    SE LA “GRANDE GERMANIA”DIMENTICA ANCHE IL SUO “CARO” DEUTSHLAND UBER ALLES,, COME VOLETE CHE LA “NUOVA” GIOVANE ITAKIA CON I SUOI PICCOLI 70 ANNI DI VITA POSSA RICORDARE I SECOLI DI STORIA, CIVILTA’ E SOPRATTUTTO DI DIGNITAS?

Rispondi