No di Appendino a referendum M5s, ha paura della consultazione popolare

 
Il Comune di Torino ha considerato inammissibile il referendum sulla tav voluto da Fratelli d’Italia. È incredibile che proprio i cinque stelle, che propongono addirittura nuovi referendum addirittura in costituzione, impediscano poi ai cittadini di esprimersi su questa infrastruttura fondamentale per il futuro della città. Evidentemente l’Amministrazione Appendino teme il consenso che questa importante opera ha tra i torinesi.
 
La motivazione del rigetto è che “la Torino Lione esula dalle competenze amministrative comunali” e rimanda al Parlamento ogni ulteriore decisione. Delle due l’una: o l’ordine del giorno del Comune di Torino voluto dalla maggioranza cinque stelle con il quale ci si esprimeva contro l’opera non si poteva votare oppure siamo davanti all’ennessima bufala pentastellata per evitare che i torinesi, con il proprio voto, dimostrino che la maggioranza di loro e’ favorevole alla tav.
Condividi

2 commenti

    • andrea russo il 6 Febbraio 2019 alle 13:06

    E’ possibile avere il testo della decisine con cui a Torino hanno bocciato l’ipotesi di un referendum sulla TAV ? Mi piacerebbe poterne fare una valutazione tecnica. Non mi piace arrendermi senza combattere. Grazie

  1. Cogli scemi non si combatte ragionando, l’unico rapporto utile è dirgli forte e chiaro SIETE SCEMI. Tra noi è inutile ribadire cose evidenti, come il fatto che una linea ferroviaria che passa per Torino è di interesse per i torinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.