Richiesta risarcimento è farsa, FdI chiede blocco navale, centri sorvegliati e rimpatri

Siamo alla farsa: ormai l’Italia viene trattata come lo zimbello del mondo intero e ci ridono in faccia. 41 immigrati della nave Diciotti chiedono un risarcimento al Governo italiano perché non sono stati fatti sbarcare subito. Perché li abbiamo fatti sbarcare, li abbiamo accolti, li stiamo mantenendo ma li dovevamo far sbarcare subito. Un risarcimento che va dai 40 ai 70 mila euro a testa. Somme che milioni di italiani non hanno mai visto.

Noi di Fratelli d’Italia vogliamo risolvere definitivamente il problema dell’immigrazione clandestina. Vogliamo un blocco navale al largo delle coste della Libia perché questi barconi non devono partire più, così non c’è il problema di dove vanno e di dove vengono accolti; vogliamo i centri per trattenere gli immigrati irregolari che arrivano qui e vogliamo i rimpatri. Basta: non ne possiamo più.

Condividi

6 commenti

Skip to comment form

    • Pino 007 on 22 Febbraio 2019 at 07:08
    • Reply

    Possibile che il governo ( se governo lo si puo’ chiamare ) non riesce a capire l’attuale situazione. ? Speriamo non prenderanno in considerazione tale richiesta, ( ho i miei dubbi con tutti questi comunisti nel governo ).

    • Pino 007 on 22 Febbraio 2019 at 08:20
    • Reply

    Perche’ non chiedete a saviano, alla boldrini, a renzi, a gentiloni, alla fedeli, alla bonino, se per loro tutto questo e’ corretto ? certamente diranno di si perche’ tanto non e’ denaro che esce dalle loro tasche, e poi potrebbero anche dire che loro ( i migranti) ne hanno molto bisogno, ma per i poveri italiani non sono necessari e possono pure morire di fame. Avanti popolo alla….. ma andate a fare in….ora che lo potete fare. Siete la vergogna del Pianeta.

    • amigdala on 22 Febbraio 2019 at 09:46
    • Reply

    Ogni scroccone e parassita planetario sa a chi rivolgersi per spremere soldi con qualsiasi SCUSA. E’ quella barca di rincoglioniti che si chiama ITALIA…Salvo un miracolo che la faccia rinsavire. Sperem !

    • Gino Cerutti on 23 Febbraio 2019 at 10:58
    • Reply

    Guardate il video e fate i conti con la cruda verità ! Eccole le famose “RISORSE” offerteci su un piatto d’argento dai GINO STRADA e dalle sboldrine ambosessi ! Dai QUARANTAMILA ai SETTANTAMILA euro ciascuno…non paghi dell’accoglienza e dell’esser mantenuti a sbafo, non facendo un…beato cazzo dalla mattina alla sera ! L’indole MAFIOSA; SCROCCONA, PARASSITARIA di una parte, temo non piccola, degli immigrati clandestini, chiamati eufemisticamente “migranti”, salta fuori tutta in questo grottesco episodio. Ai loro paesi li avrebbero presi a calci nel culo e giustamente ! Forse se ne sono andati via proprio per questo: altro che vittime ! Tanto l’ITALIETTA di PULCINELLA li ha convinti che da noi basta fare un po’ di baccano, farsi spalleggiare dai Saviano e dai Gino Strada di turno e il gioco é fatto ! Ma un pensionato italiano con la minima, quanti secoli deve aspettare per vedere 40.000 euro ? Serve un fronte sovranista nazional-popolare. Anch’io votavo a sinistra un tempo. Oggi sarei un imbecille, se lo facessi ancora !

    • Franco Cordiale on 23 Febbraio 2019 at 11:06
    • Reply

    Samo alla follìa pura ! Arrivati senza sapere chi cavolo siano, usano un miserabile pretesto per spillare quattrini, e QUANTI, a Pantalone italiano. Se questa gente riuscirà malauguratamente ad imporsi a casa nostra, ne saremo imediatamente SCHIAVI. Costretto a razzolare ancor peggio di adesso nel parassitismo, nella corruzione o costretti a subire crimini ed estorsioni, peggio di quanto già non accada, specie in meridione. Ma anche altrove. BISOGNA FARE FRONTE. Tutto il resto sono balle…Basta coi traditori (PD) e basta con gli idioti (5 stelle).

    • Antonio Passaro on 25 Febbraio 2019 at 08:47
    • Reply

    Salvini dovrebbe immediatamente ributtarli in mare e a furia di botte accompagnarli fino al loro paese. Mi stanno facendo diventare razzista
    povera Italia di dolori ostello nave senza nocchiero in gran tempesta , siamo in mano ai magistrati , o forse alle leggi demenziali dei parlamenti passati .

Rispondi