Richieste da clan Spada e brigatisti? Conseguenza bocciatura emendamento FdI per escludere condannati

Primo giorno utile per richiedere il reddito di cittadinanza e hanno già presentato domanda un esponente del clan Spada e un ex brigatista rosso. Ecco la conseguenza della bocciatura da parte della maggioranza grillo leghista dell’emendamento di Fratelli d’Italia per escludere dal sussidio chi ha subito condanne superiori a due anni. Il reddito di cittadinanza andrà anche a delinquenti recidivi, spacciatori, rapinatori, ladri d’appartamento, stupratori, stalker, assassini pedofili, tutte categorie non escluse dalla norma, visto che sono esclusi solo pochissimi reati di mafia e terrorismo. Dal reddito di cittadinanza al reddito di delinquenza.

Condividi

5 commenti

Skip to comment form

  1. VERGINELLI!
    MA CHEVI ASPETTAVATE ?
    IL POVERO SALVINI, AL QUALE, BENCHE’ SIA MERIDIONALE, MERIDIONALISTA ED A CONOSCENZA, QUALE STORICO,
    DEI MASSACRI, STUPRI, E EVIOLENZE(DOCUMENTATE) DEL 1861, VA TUTTA LA MIA STIMA PER IL LAVORO CHE STA FACENDO, O COMPIE UN ATTO DI FORZA E DI DIGNITA’ POLITICA O,………………………POVERI NOI!
    SPERIAMO BENE!

  2. giorgia, non ti preoccupare che mia madre diceva sempre: la polizia al ladro : <>

    • Pino 007 on 8 Marzo 2019 at 05:14
    • Reply

    Insomma il reddito di cittadinanza gira e rigira va anche a ladri e compagnia varia. Cioe’ prima ti rubano, ti stuprano, di ammazzano di botte, ti ripuliscono casa e poi lo stato gli paga anche lo stipendio. Ma stiamo scherzando oppure e’ uno scherzo di cattivo gusto ? Questo e’ quello che sanno fare i grillini? Poveri noi.

    • Franco Cordiale on 9 Marzo 2019 at 10:03
    • Reply

    Dei grillini e dei fichi d’india non é assolutamente il caso di fidarsi. Dietro il loro ostentato giustizialismo sociale si nasconde (e malamente) un torbido SOTTOBOSCO di PARASSITI, abituati a rubare e scroccare in ogni dove. Lo slogan “ONESTA'” é solo specchietto per allodole, visto che questo “partito” 5 stelle sabota stabilmente la creazione di posti di lavoro e dunque di reddito (non “di cittadinanza”), quello vero, sia bloccando le grandi opere come la TAV, per cui però l’Italia si era impegnata con la Francia da almeno trenta anni, sia impedendo la riforma fiscale che sgraverebbe i costi delle aziende, permettendo a queste di assumere e produrre, come invece successo negli USA di Trump. Nella tipologia grillina si riconosce sovente il “lazzarone” (definizione storica applicata a certe plebi, specie a mezzogiorno) che chiede a gran voce “i piccioli” o “gli sghei”, indispensabili certo a vivere, od almeno a sopravvivere. Ma li chiede SLEGATI dal CONTESTO ECONOMICO CORRETTO che potrebbe produrli ! Si aspetta elargizioni e favori, dipendendo necessariamente da tutti gli “arruffa plebi” che potrebbero fornirglieli. Tali concetti li argomentava, in Gomorra, proprio il famoso Roberto Saviano, quando non giustificava ancora l’immigrazione clandestina ed il suo inevitabile sfruttamento. Quando parlava dei “sottomarini” che distribuiscono alle famiglie i soldi del lavoro nero e delle attività illecite. Pagine che ricordo, eccome !

    • Franco Cordiale on 9 Marzo 2019 at 10:14
    • Reply

    Aggiungo: il fatto stesso che la normativa del “reddito di cittadinanza” non escluda AMPIE CATEGORIE di MASCALZONI e FARABUTTI, la dice lunga su cosa sia realmente tale provvedimento e anche sulle PRESSIONI occulte che potranno averlo ispirato ! Se i grillini urlavano “onestà!”, allora perché favorire anche i delinquenti ? La gente non é scema: ed i “grillini” se ne accorgeranno presto !

Rispondi